GRAVE INCIDENTE FERROVIARIO

Deraglia un treno alla porte di Milano, morti e feriti in gravi condizioni

Un treno regionale alle 07.00 d mattina del 25 gennaio è deragliato a Pioltello, alle porte di Milano. È un treno di lavoratori, partito da Cremona e diretto alla stazione di Milano Porta Garibaldi. I pendolari hanno sentito uno schianto che ha squarciato le carrozze e gettato i corpi nel vuoto. Quando sono arrivati sul posto, i soccorritori hanno dovuto lottare contro il tempo per estrarre dalle lamiere alcuni passeggeri incastrati. Si sono trovati ad affrontare una situazione senza precedenti. Dopo lo schianto alcuni vagoni si sono letteralmente accartocciati attorno ai palo della corrente elettrica. I morti confermati al momento sono tre, l’ultima vittima è stata estratta poco fa dalle lamiere. I feriti sono circa un centinaio di cui dieci in gravi condizioni. La macchina dei soccorsi è partita immediatamente: sono presenti sul posto elicotteri che stanno trasportando i feriti all’Ospedale San Raffaele, vigili del fuoco e i carabinieri di Cassano D’Adda.

A uscire dalla loro sede sono state le carrozze centrali che hanno disallineato il treno. A quel punto il convoglio di Trenord ha scatenato il drammatico scontro tra i due treni.Le forze politiche interpellate si sono espresse così:

“L'incidente ha profili di grave preoccupazione, ha commentato l'assessore lombardo alla Sanità, Giulio Gallera. Dopo la tragedia, si è subito aperto il capitolo sicurezza su tutta la rete ferroviaria italiana. Siamo, purtroppo, in debito su tutte le infrastrutture rispetto agli altri Paesi Ue - ha commentato Silvio Berlusconi a Rtl 102.5 - e questo è quindi un tema sul quale ci dovremo impegnare a migliorare. Incidenti come questo - ha continuato il leader di Forza Italia - accadono in tutti i Paesi ma bisogna accertarne le cause affinché non si ripetano".

“I morti sul lavoro della scorsa settimana e oggi il grave incidente ferroviario a Pioltello - ha scritto il sindaco di Milano Beppe Sala su Facebook. - La Milano delle sue fabbriche e dei suoi pendolari. Milano e lavoro, intreccio indissolubile anche nei giorni del dolore. Dobbiamo moltiplicare gli sforzi sulla sicurezza di luoghi del lavoro e nei trasporti, è un essenziale dovere civile”.

"Diamo solidarietà alle vittime, il problema dei pendolari e del trasporto è uno dei temi che noi affrontiamo, la tutela del lavoro passa anche dal pendolarismo" - ha detto il presidente uscente del Senato, Pietro Grasso, leader di Liberi e Uguali a Radio 24.

"C'è da pregare e sperare che lo splendido lavoro dei volontari e degli infermieri salvi le vite salvabili e poi c'è da capire il perché è successo. Ogni volta che si parla di interventi economici a Roma, c'è una riga sui tagli al trasporto pubblico locale; magari questo evento è fortuito ma forse prima di tagliare sulla sicurezza e sulla manutenzione bisognerebbe valutare dove tagliare: in Italia gli sprechi da tagliare sono tanti" - ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini.

                                                                                                 Giusi De Roma