Al via il progetto “CorriMi”, dedicato ai podisti milanesi

I runners milanesi, definizione che comprende chi corre con regolarità almeno due volte a settimana, secondo l'ultima stima ammontano a circa sessantamila unità, una cifra che colloca la città meneghina ai primissimi posti in Italia per numero di atleti.

Una comunità composita, comprendente moltissime categorie sociali e anagrafiche collocate spesso agli antipodi, alla quale il Comune di Milano sta dedicando sempre più attenzioni. Il primo passo in questo senso è stata la creazione, negli anni scorsi, di sei percorsi “verdi” collocati all'interno dei parchi Sempione, Montanelli, Trenno, Montagnetta di San Siro, Forlanini e Lambro, ai quali entro agosto si aggiungerà quello di Parco delle Cave.
Tali percorsi si presentano come dei sentieri mappati dagli stessi podisti, messi in sicurezza attraverso la rimozione degli ostacoli e con cartelli a indicare le distanze, adatti quindi a ogni tipologia di corridore.
Vere e proprie “palestre a cielo aperto”, per usare le parole dell'assessore allo Sport Chiara Bisconti, che sta seguendo con particolare attenzione lo sviluppo del progetto.
Il secondo passo è stato poi compiuto con la creazione del sito corriMi.it, che si propone l'obiettivo di riunire in rete il popolo degli appassionati della corsa.
Chi s'iscriverà avrà la possibilità di conoscere altri runners e potrà seguire dei corsi professionali pensati come allenamento per migliorare le proprie prestazioni, oltre ad avere accesso agli spogliatoi dell'Arena di Milano, del centro sportivo XXV aprile e del centro sportivo Saini, il tutto per soli 10 euro all'anno.
Dal Comune arriva quindi un importante sostegno agli atleti milanesi, fornendo loro un valido aiuto utile anche in vista del mese di marzo, a partire dal quale cominceranno tutte le importanti manifestazioni podistiche milanesi, che da anni riscuotono un grande successo in città.
Fabio Figiaconi