Bike Sharing: ora a Milano è anche junior.

Il Capoluogo capitale della Sharing Mobility

Caschetto azzurro e visino sorridente sono loro, i bambini dai 5 agli 11 anni, i destinatari e protagonisti del nuovo servizio di Bike Sharing nel capoluogo lombardo, il primo assoluto in Italia. L’area di divertimento dei bambini è quella all’interno del Parco Sempione e per cominciare, si potrà pedalare gratuitamente il sabato e la domenica dalle 9 alle 19. Si tratta, per il BikeMi di una vera e propria novità presentata il 20 settembre in Piazza Castello. Sono ventuno le bici messe a disposizione dei bambini con il Junior BikeMi e sono state posizionate, vicino all’allestimento “Nevicata 14” in Piazza Castello, da lì il Parco Sempione è facilissimo da raggiungere per poi pedalare a volontà insieme ai genitori. Tra l’altro, vicino alla stazione junior è stata collocata una nuova rastrelliera tradizionale al fine di poter seguire i propri figli in bici, oltre che incrementare le stazioni di BikeMi. Possiamo ormai dire che Milano va a due ruote. I nostri bambini e ragazzi sulle bici di BikeMi sono una bella immagine di gioia. Una novità unica nel panorama italiano, - ha dichiarato il sindaco di Milano Giuliano Pisapia durante l’inaugurazione.
Con la giornata del 20 settembre inserita nella settimana della Mobilità Sostenibile, il servizio di BikeMi ha raggiunto il traguardo di 40mila abbonamenti e l’utente che ha acquistato quell’ultimo abbinamento, riceverà in omaggio un abbonamento decennale al servizio di sharing. Dopo il successo delle bici a pedalata assistita, - ha dichiarato l’assessore Pierfrancesco Maran - oggi si aggiunge un nuovo tassello all’offerta di mobilità sostenibile in città. Trasmettere ai più piccoli i valori della sostenibilità sia il modo migliore per avere una città sempre più a misura di bicicletta. I bambini di oggi sono gli adulti di domani. Il servizio di bici in condivisione milanese conta ben 3.650 biciclette tradizionali, 1.000 a pedalata assistita, 255 stazioni e una media di 12mila prelievi giornalieri. Insomma una bella competizione con altri bike sharing di capoluoghi europei quali Parigi e Berlino. 
Manuelita Lupo