Bikesharing più ampio

Il Comune, su volontà e pressione del sindaco Sala, lancerà un avviso pubblico per ricevere da società interessate offerte per far sì che il bike sharing a flusso libero diventi realtà.

A Milano infatti il servizio Bikemi prevede postazioni fisse, con un accentramento delle stesse in centro, ma per permettere a tutti i cittadini, anche quelli delle periferie, di  usufruire di un noleggio più agevole, servirebbe appunto il noleggio a flusso libero. Funzionerà proprio come quello attuale con le auto, quindi prenotabile attraverso smartphone e blocco al termine del noleggio. L'idea è presa dalla Germania dove il servizio è molto funzionale.  Quindi ogni società che aderirà al bando dovrà possedere nella propria flotta almeno mille biciclette disponibili 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, in modo da coprire complessivamente l'esigenza di avere 12000 mezzi. E nel corso della sperimentazione si potranno verificare punti di forza e debolezza e aggiustare il tiro.