Confermato Apple store in piazza Liberty

Cascate d'acqua e un anfiteatro. Il colosso americano aprirà la sua nuova filiale nel cuore di Milano, dove prima sorgeva il cinema Apollo.

La chiusura della multisala era già stata annunciata e adesso, è ufficiale, piazza Liberty accoglierà un nuovo Apple store. La conferma giovedì 22 dicembre con l'approvazione della Giunta delle linee guida propedeutiche alla stipula della convenzione con Apple Store Retail Italia srl e con la Società Immobiliare Cinematografica srl, proprietaria del cinema Apollo insieme alla Banca Popolare di Milano.
A partire dal 2017, la parte centrale della piazza sarà interessata da lavori per la realizzazione di un anfiteatro aperto al pubblico in grado di ospitare eventi culturali. La struttura, con i suoi gradoni, sarà funzionale per il collegamento con uno spazio posto a livello intermedio tra la piazza e il negozio sottostante. Alle spalle, l’ingresso al negozio (posto a quota -3,24 metri rispetto al livello della piazza) sarà corredato di una vetrata schermata con una cascata d'acqua. Ma si potrà accedere anche da apposite scale collocate all'interno del "portale", una struttura in vetro con, sui lati, due vasche d'acqua e un ascensore per una completa accessibilità del negozio. Gli spazi interni che hanno ospitato per anni le sale del cinema Apollo saranno oggetto di ristrutturazione con l'installazione di una nuova pavimentazione, il riposizionamento delle griglie limitrofe a via San Paolo e il trapianto di nuove alberature.
Si tratta di uno dei centri più innovativi e tecnologici del mondo per la compagnia di Cupertino il cui progetto ha ricevuto il benestare della Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Milano e del Municipio 1. La cittadinanza – che rimprovera già il conseguente oscuramento degli storici palazzi liberty della piazza – teme per l'eventuale rumore che verrà a crearsi con i numerosi eventi che la struttura avrà diritto di tenere. Apple, infatti, organizzerà ogni anno almeno 8 eventi pubblici gratuiti di alto profilo culturale e sociale concordati con il Comune e proporrà almeno 4 ulteriori eventi l'anno.
Dal portale "Fashion Magazine" si apprende che, ai fini della realizzazione dell'intervento edilizio, la Società Immobiliare Cinematografica dovrà versare al Comune di Milano un corrispettivo di 4.666.200 euro, oltre alla somma di 8.460 euro come rimborso delle spese sostenute dall'Amministrazione per la quantificazione dell'indennizzo stesso e la valutazione di congruità da parte dell'Agenzia delle entrate. Apple dovrà rifondere al Comune, una tantum, la somma di 768.732,15 euro, pari al costo sostenuto nel 2013 dall'Amministrazione per il rifacimento di piazza Liberty, oltre alla cifra di 127.435 euro, da corrispondere entro il 31 gennaio di ogni anno, per l'uso delle aree della piazza. Immobiliare Cinematografica ed Apple, inoltre, dovranno eseguire a proprie spese la manutenzione ordinaria e straordinaria di tutta l'area e installare un piezometro, un dispositivo per monitorare l'andamento della falda in corrispondenza della piazza, con obbligo di rendiconto semestrale al Comune.
Davide Lorenzano