Consiglio comunale approva il bilancio consolidato

Il Consiglio comunale ha approvato il 14 ottobre il Bilancio consolidato 2013. Si tratta del documento consuntivo di esercizio, previsto dai nuovi principi contabili, che rappresenta la situazione patrimoniale economica e finanziaria del Gruppo costituito dal Comune e dalle società, enti ed organismi interamente controllati (Atm, MM, Sogemi, Milano Ristorazione, Milano Sport, Amat, Mir, Fondazione Milano e ATO Milano. A2A e Sea non vi rientrano perchè sono aziende quotate e che hanno emesso obbligazioni in un mercato quotato).

Il consolidamento avviene attraverso l’inclusione all’interno del bilancio consolidato di tutte le attività e passività del Gruppo. Si parte dallo Stato Patrimoniale e dal Conto Economico 2013 del Comune di Milano al quale si aggregano le risultanze dei bilanci 2013 delle sue società. Il Gruppo Comune di Milano viene così rappresentato come un'unica entità e pertanto al netto dei rapporti interni, ossia tra il Comune stesso e le sue società.  Grazie al bilancio consolidato aumentano le funzioni informative del bilancio e, al contempo, il Comune si dota di un nuovo strumento per programmare, gestire e controllare con maggiore efficacia le proprie attività. 

Il Bilancio consolidato registra un Risultato della gestione operativa di € 72,5 milioni, superiore di € 22,2 milioni rispetto al corrispondente saldo della capogruppo. Ciò significa che le società del Comune producono valore aggiunto. Il Risultato di esercizio ante imposte è pari a 53,5 milioni di euro. Il Risultato di esercizio dopo le imposte, che sono pari a 61 milioni di euro, è di  -7,7 milioni di euro, anche per l’effetto della cancellazione dei dividendi distribuiti dalle proprie società a seguito del consolidamento e, in particolare, dei 22,9 milioni di dividendi di Atm.