Da Chiamamilano

E così, il Teatro Lirico verrà restituito alla città: oggi la consegna dei cantieri e la firma del protocollo, 450 i giorni di tempo per ultimare le opere che dovrebbero, almeno sulla carta, essere terminate entro il luglio 2017.

Un sogno che si avvera, lo definisce il Sindaco Giuliano Pisapia, sottolineando l'importanza di questo "lascito" all'amministrazione che verrà.
Un restauro conservativo che introdurrà però degli elementi di novità rispetto alla struttura originaria.
E' previsto infatti il ripristino di finiture, decorazioni e tendaggi originali e l'eliminazione degli interventi che hanno alterato l'architettura e le forme originali, fatto salvo l'adeguamento impiantistico, igienico e di sicurezza come previsto dalle norme vigenti, non ultimo l'abbattimento delle barriere architettoniche grazie a cui, come ha sottolineato il Sindaco, la Scala bis (come viene a volte chiamato il Lirico in riferimento alla sua origine) "tornerà ad essere un teatro di tutti per tutti".
Le novità previste sono sostanzialmente tre: la principale è la creazione di un ristorante panoramico posizionato al secondo piano, da cui grazie ad una vetrata sarà possibile vedere la sala teatrale. Ci saranno anche due bar, uno interrato e uno al primo piano.