Da Chiamamilano

18 DICEMBRE, GIORNATA MONDIALE DEI MIGRANTI

Ne parliamo spesso, dando conto dei numeri sempre in evoluzione che li riguardano, e delle molte attività che le istituzioni e le associazioni  mettono in campo per favorire un processo di accoglienza che sembra sempre più difficile. Non più tardi di due settimane fa Fondazione Ismu ha presentato il suo 22esimo rapporto sulle migrazioni, mentre lo scorso ottobre con l'uscita del Dossier Idos avevamo parlato dei migranti nella nostra città.
Lunedì 18 dicembre, ed è così dal 2000, è la Giornata internazionale per i diritti dei migranti: la data è stata scelta in quanto l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 18 dicembre di dieci anni prima, nel 1990, aveva approvato la Convenzione internazionale sulla protezione dei diritti di tutti i lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie.
Qui di seguito riportiamo il messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres per la Giornata mondiale dei Migranti 2017.
"In occasione della Giornata mondiale dei Migranti, rendiamo omaggio ai contributi e alla vitalità dei 258 milioni di migranti nel mondo.
I dai mostrano in maniera inconfutabile che i migranti generano benefici economici, sociali e culturali per le società di accoglienza ovunque. Eppure cresce nel mondo l’ostilità nei loro confronti. Mai come ora il bisogno di solidarietà nei loro confronti è stato così urgente.
Le migrazioni hanno accompagnato la storia dell’uomo. Da tempi immemorabili, le persone si sono mosse in cerca di nuove opportunità e migliori condizioni di vita. Cambiamenti climatici, pressione demografica, instabilità, disuguaglianze crescenti e aspirazioni a una vita migliore, così come il bisogno di forza lavoro, ci dicono che il fenomeno migratorio è una realtà destinata a restare.
Occorre pertanto una cooperazione internazionale efficace nella gestione delle migrazioni per garantire che i benefici che ne derivano siano distribuiti nel modo più ampio possibile e che al contempo siano tutelati i diritti umani dei migranti, così come riconosciuto dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.
Lo scorso anno, i governanti mondiali si sono impegnati ad adottare nel 2018 un accordo globale per una migrazione sicura, ordinata e regolare. Guardando al futuro, facciamo che la migrazione sia un processo positivo per tutti".