È LA CULTURA IL VERO PONTE DELLA PACE TRA I POPOLI

La Giornata Europea della Cultura Ebraica, si è tenuta domenica 18 settembre, tutte le Comunità ebraiche della penisola hanno accolto il pubblico con varie manifestazioni culturali, tra visite guidate, spettacoli e percorsi enogastronomici.

A Milano,  nella sinagoga centrale di via Guastalla dove si ricordavano anche il 150 anni della comunità ebraica, il via ufficiale alla Giornata dal tema “Il potere della parola” che ha visto dibattiti, incontri, conferenze, spettacoli, una mostra fotografica di Alberto Jona Falco è giunto il messaggio del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, letto dal  presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Noemi di Segni.  Un evento definito dal Capo dello Stato "preziosa occasione di incontro, di conoscenza e di dialogo. Nella Giornata della Cultura ebraica tutte le culture e le fedi religiose sono chiamate a un dialogo decisivo per difendere i valori dell'umanità e contrastare e sconfiggere il terrorismo e la violenza. È l'intera società che chiede loro un contributo di valori e una testimonianza di solidarietà, che nasce dal rispetto dei diritti di ogni essere umano. L'Europa può essere la palestra e il vettore di una nuova cooperazione nelle società e tra gli stati - ha aggiunto - di un umanesimo pieno, di un ordinamento che tuteli le differenze e, al tempo stesso, solleciti la coesione sociale.
Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ospite d’onore:  In questi ultimi anni l'esplosione di antisemitismo sulla rete è qualcosa di spaventoso, che ha sorpreso, che pensavamo fosse finito. Questo ci insegna che non dobbiamo mai abbassare la guardia perché purtroppo il male si riproduce e quindi va fermato.
Secondo il sindaco Giuseppe Sala il dialogo tra religioni è una  ricchezza irrinunciabile. Non dobbiamo più correre rischi che derivano dall'ignoranza. La giornata di oggi è un'occasione preziosa perché pone al centro del dibattito la lingua ebraica, ma anche la capacità di integrazione che è oggetto delle nostre preoccupazioni quotidiane. Milano è una città sempre più multiculturale, una metropoli autentica, dove le pratiche di convivenza sono radicate ma dove è necessario lavorare insieme.
Presenti i rappresentanti delle diverse comunità religiose e delle forze dell’ordine e militari, l’assessore regionale Giulio Gallera, i presidenti della comunità ebraica Milo Hasbani e Raffaele Besso, l’assessore alla Cultura della comunità Davide Romani e il viceassessore Gadi Schoneit, organizzatore della giornata, Roberto Jarach, il presidente di Assoedilizia e dell’Istituto Europa Asia Achille Colombo Clerici che ha invitato a ricordare il debito del mondo  nei confronti della cultura ebraica che ha prodotto geni nella scienza, nella filosofia, nelle arti, concludendo: E’ la cultura il vero ponte per la pace tra i popoli.
Europasia