I milanesi promuovono Amsa

Effettuato un sondaggio su un campione di 5mila cittadini

Media del 7,5 per il lavoro di pulizia e raccolta rifiuti di Amsa per il terzo anno. La promozione a pieni voti emerge da un’indagine svolta su circa 5mila cittadini residenti in città, stranieri compresi.
Il sondaggio è stato realizzato lo scorso giugno dalla società specializzata Scenari srl, cui il Comune di Milano ha affidato l’incarico con una gara pubblica, come era stato richiesto dal Consiglio comunale già lo scorso anno.
L’indagine analizza tutti i servizi svolti da Amsa e le modalità di erogazione e d'informazione al cittadino. Quest’anno è stato anche chiesto se nel semestre di Expo i cittadini avessero percepito una differenza nel servizio, positiva la risposta: l’86% dei cittadini ha rilevato uguale o maggiore efficienza nelle attività di pulizia nonostante la città fosse “stressata” da alti flussi di presenze.
I servizi con il più alto indice di gradimento sono la raccolta dei rifiuti ingombranti a domicilio che arriva al punteggio di 8,7 e la raccolta differenziata dei rifiuti urbani che totalizza la media dell’8. Tutti compresi tra 7 e 8 i punteggi per lo spazzamento strade, il lavaggio delle gallerie e dei portici, dei filari alberati, lo svuotamento dei cestini, la pulizia degli spazi verdi, i servizi cimiteriali. Il punteggio più basso è 6,4 per la pulizia e lo spurgo dei tombini.
Solo l'1% ha avuto necessità di inoltrare un reclamo ad Amsa.
È sempre positivo che un servizio pubblico riscuota l’apprezzamento dei cittadini che ne usufruiscono – ha dichiarato l’assessore alla Mobilità e Ambiente Marco Granelli. - Un giudizio, quello su Amsa, sul quale non ci accomodiamo.
Il sondaggio ci consente non solo di misurare la qualità del servizio ma è anche un’occasione di rendicontazione ai cittadini delle nostre attività – ha aggiunto l'assessore alla Partecipazione Lorenzo Lipparini. Per questo vogliamo estendere questo genere di indagini e renderci sempre più trasparenti agli occhi dei milanesi.