I sentimenti nelle coppie

Quale sentimento ci affascina di più?

Ovviamente, ognuno di noi subisce un fascino diverso secondo il proprio vissuto.
Si passa dal puro gusto dell’estetica, che ci affascina nell’adolescenza, a quella complessa dell’adulto che ricerca i dettagli più contorti e intriganti a volte ossessivi, al valore affettivo del tempo che cresce ogni giorno con il quotidiano aumenta e si consolida fino a far diventare indispensabile il trascorrere del tempo con la persona amata. 
Di questo però ce ne rendiamo conto quando, per cause diverse, ci si separa per qualche tempo.
La persona ci manca, ne percepiamo il vuoto e ci accorgiamo delle tante cose che fa per noi e dell’importanza che ha per la nostra vita.
Mai uno sgarbo, sempre sereni e rispettosi, non è un sogno, ci sono coppie che vivono così la loro vita, non si sono mai dette una parola di “troppo”, può apparire strano ma è dato incontrovertibile. 
Al contrario i litigarelli polemizzano su ogni cosa, se ne dicono di ogni per poi perdonarsi ogni volta e ricominciare il giorno dopo come se nulla fosse accaduto. 
È una forma di “equilibrio instabile” che funziona per oltre il cinquanta per cento delle coppie, cosa assai nota per qualsiasi consultorio familiare.
Le coppie apparentemente eterogenee sono però le più esposte alle inutili critiche popolari che invece di guardare dentro la loro casa, pensano bene di giudicare il prossimo lanciando ipotesi su questa o quella coppia che presto si lascerà perché ha poco o nulla in comune. Solitamente sono proprio loro che non hanno nulla in comune con il proprio partner ed è questo il vero motivo di tanti inutili commenti. Fortunatamente per loro, ne sono assolutamente inconsapevoli.
La regola è che non ci sono regole, questo per gli addetti ai lavori è noto, ma per molti resta un mistero. In realtà mistero non è, ognuno di noi è diverso e trova nell’altro un modus vivendi che sfugge ai più, ma che funziona è questa la sola cosa che conta davvero.           
Aldo Crespi