In mostra "I Damiani" a Palazzo reale

Presente la nuova collezione "Margherita".

Fino al 18 aprile, presso Palazzo reale (Sale degli arazzi), è visitabile la mostra "Un secolo di eccellenza e passione. L'evoluzione del costume italiano attraverso i gioielli Damiani". In collaborazione con il distretto Cultura del Comune di Milano e Damiani.
Un percorso nell'alta gioielleria italiana ma, in particolare, fra le preziosi creazioni della maison nata nel 1924, anno di apertura del primo laboratorio orafo a Valenza di Enrico Grassi Damiani. Ma soprattutto fra pezzi unici nati nell'azienda oggi guidata da Guido, Giorgio e Silvia Damiani. Non a caso la mostra si colloca a Palazzo Reale: prima di essere utilizzato come centro espositivo di arti figurative, fu sede di arti decorative con la cessione dai Savoia alla città di Milano, dopo la Prima Guerra Mondiale.
Nella prima sala un gioiello per ogni decennio del Novecento: Charleston, Anni Venti; Cascade, Anni Trenta, Legend, Anni Quaranta; Tassel, Anni Cinquanta; Optical Anni Sessanta; Bloom, Anni Settanta; Tribute, Anni Ottanta; Moonshine Anni Novanta; D.Side Anni Duemila. E poi le 18 opere della casa (fra cui Eden, Bloody Mary e Sahara) che hanno ricevuto il premio "Diamonds International Awards", ovvero l'"Oscar" della gioielleria. Riconoscimento valso a Damiani ben 18 volte. Nell'ultima sala, la collezione Margherita che unisce tradizione e design contemporaneo che s'ispira alla consorte di Umberto I, a cui Enrico Grassi Damiani dedicò un gioiello nei primi anni del secolo scorso e grazie al quale divenne fornitore ufficiale della Casa reale.
DaLo