La banda del buco colpisce ancora

E pensare che si potevano fermare i quattro uomini, tutti italiani, che dopo aver scavato un tunnel lungo circa sette metri e di un diametro che permettesse a una persona di trascinarsi per tutto il percorso, dalla fognatura attraverso il tunnel sono entrati – attraverso un buco nel pavimento - nella stanza adiacente al caveau e alle 8,30 all'arrivo dei primi dipendenti si sono fatti aprire la stanza blindata.

Abbiamo scritto che si sarebbero potuti fermare perché alcuni inquilini avevano avvertito non solo la banca di aver udito strani rumori, colpi di martello, di giorno e di notte da domenica 7 agosto, ma anche il vicino commissariato e il 113. Sembra che siano stati fatti controlli ma nulla è stato rilevato. Il bottino potrebbe essere abbastanza elevato, sono state portate via infatti una novantina di cassette di sicurezza in una zona frequentata da gente benestante. Appena è scattato l'allarme i ladri sono fuggiti attraverso il tunnel che avevano costruito facendo perdere le loro tracce appena rientrati nel canale delle fognature. Sono stati trovati attrezzi e guanti. Le indagini sono state affidate al Nucleo investigativo di via Moscova. Il lavoro per scavare il turno non è durato meno di cinque o sei giorni.