LA GIUSTA SEDE DELLA CONSOB È A MILANO

Milano è la capitale finanziaria italiana, ma non sarà una capitale 
finanziaria internazionale fino a quando non potrà contare su alcune 
precondizioni, tra queste il trasferimento da Roma a Milano di Consob-Commissione nazionale per le società e la Borsa, rivolta alla tutela degli investitori, all' efficienza, alla trasparenza e allo sviluppo del mercato mobiliare italiano. Questa considerazione, recentemente fatta dal sindaco Giuseppe Sala, vale anche per alcune funzioni svolte dalla Banca d’Italia in tema di vigilanza. Bankitalia espleta fondamentali compiti di politica monetaria in ambito nazionale e internazionale, tra cui la vigilanza su banche e intermediari finanziari, e di controllo in materia di antiriciclaggio. 
Ebbene, il coordinamento della vigilanza dovrebbe aver sede a Milano, anche ai fini di una maggior efficienza.
Sia Bankitalia, sia Consob hanno proprie filiali a Milano, però con attività marginali rispetto alle rispettive sedi centrali di Roma. Ed è un fatto senza alcun senso logico che queste due istituzioni siano lontane dalla città di Milano dove si concentra il maggior numero di soggetti interessati dalla loro attivita. Il capoluogo lombardo costituisce il più forte legame con l’Europa più avanzata e il governo deve rafforzarne il ruolo con il potenziamento della televisione pubblica, che proprio a Milano in corso Sempione iniziò l’attività 
con le prime trasmissioni ufficiali, il 3 gennaio 1954. 
Si è assistito e si assiste invece a ripetuti tentativi di trasferire a Roma, complice un sistema politico egoista e miope che punta sul "palazzo", iniziative sorte e sviluppate in altre città. Dal Festival del cinema di Venezia replicato con un successo parziale e comunque disperdendo risorse, al Gran Premio automobilistico di Monza. Ricordiamo anche la questione  del Giro d'Italia, mai sopita. Il ruolo di Roma capitale non è quello di fagocitare, quanto di meglio le altre città italiane sono riuscite a creare; in virtù del maggior peso socio-politico e delle disponibilità finanziarie pubbliche, provviste da una legislazione speciale e a carico dei contribuenti italiani. È viceversa quello di aiutare e favorire la crescita delle altre città, come rappresentante e responsabile dei loro interessi e come garante delle loro prerogative e dei loro valori: come quello di un fratello maggiore che protegge i minori.

Achille Colombo Clerici