Per raggiungere maggior numero di persone, anche i vigili di quartiere promuoveranno il servizio che sostiene le vittime di reato over 70

Anche per il 2018 l’assessorato alla Sicurezza ha deciso di finanziare il servizio di sostegno alle vittime over 70 di truffe, rapine, borseggi e furti con reddito fino ai 30 mila euro. Per il prossimo anno saranno 90 mila euro messi a disposizione del progetto, ma sarà aggiornata la promozione del servizio che necessita di una maggiore capillarità di diffusione. Se infatti tutte le informazioni sono facilmente reperibili on line, sono in pochi gli over 70 ad avere dimestichezza con la rete. Per questo anche i vigili di quartiere diffonderanno il volantino con le modalità della richiesta di rimborso. Grazie al loro contatto diretto con cittadini e negozianti, l’Amministrazione conta di raggiungere un maggior numero di persone.
Dal 2008 sino ad oggi il servizio di sostegno alle vittime over 70 di truffe, rapine, borseggi e furti ha seguito 1309 casi con circa 366.860 euro rimborsati attraverso una polizza assicurativa dedicata. Nel 2016 sono stati trattati 116 casi, per un ammontare complessivo di oltre 43mila euro di risarcimento alle vittime, mentre quest’anno, fino ad agosto si contano 57 casi e circa 14mila e 400 euro rimborsati. Le vittime di queste tipologie di reato hanno talvolta conseguenze molto pesanti, soprattutto dal punto di vista psicologico, se sono particolarmente esposte e fragili e ancor di più se hanno subito lesioni fisiche o danni alla propria casa.
È per questo motivo che l’Assessorato alla Sicurezza vuole offrire loro un concreto aiuto, che prevede un rimborso fino a mille euro per le spese sanitarie sostenute e l’invio, se necessario, di un medico presso l’abitazione della vittima che ha subito uno scippo, una rapina, un furto o tentato furto. Inoltre la polizza di assicurazione di AssicuraMi risarcisce fino a 500 euro il denaro sottratto, le eventuali spese per il rifacimento di documenti o tessere ATM, le eventuali spese legali nel caso di costituzione di parte civile o quelle per la sostituzione della serratura della porta di casa (fino a 300 euro).
Per ottenere il sostegno da parte del Comune è importante presentare sempre regolare denuncia dell’accaduto entro 7 giorni alle Forze dell’Ordine, conservare i giustificativi delle spese sostenute per i danni subiti e avere un reddito annuo lordo personale fino a 30mila euro. Per aprire la pratica di sinistro occorre contattare il Settore Sicurezza, Coesione sociale, Protezione civile per l'invio dei documenti al numero di fax 02 884.56605 o all'indirizzo di posta elettronica: pl.areerischio@comune.milano.it
Per maggiori informazioni sul servizio AssicuraMI e le modalità per richiedere il risarcimento è possibile telefonare al numero 02 884 56893 della Polizia locale, linea dedicata attiva 7 giorni su 7, 24 ore su 24.