Presentato il Paes

Il piano riguarderà, edifici, rifiuti, mobilità e illuminazione.

Lo scopo, è quello di raggiungere una riduzione di emissioni di gas serra del 20% dal 2005 (anno di riferimento) al 2020, un obiettivo ambizioso quello del Paes (Piano di azione per l’energia sostenibile e il Clima), presentato il 16 aprile dall’assessore Pierfrancesco Maran a Palazzo Reale. 
Per il Paes è prevista, come già era successo per il Pums (Piano urbano della mobilità sostenibile), la pubblicazione, le osservazioni dei cittadini e il voto del Consiglio comunale prima della delibera definitiva. Ma quali saranno i settori sui quali verte il piano? In primis, l’edilizia con efficienza e riqualificazione energetica e l’estensione dell’attuale rete di teleriscaldamento, insieme a un raddoppio della capacità termica attuale. Saranno allacciati altri edifici pubblici, dopo il Palazzo di Giustizia, sarà il turno di Palazzo del Capitano - sede centrale della Polizia locale - Palazzo Reale, gli uffici di via Larga e via Dogana, operazione che porterà a un risparmio di 1.100 tonnellate di Co2. Sempre per quanto concerne l’edilizia pubblica, nel quartiere Lorenteggio, il Comune ha recentemente sottoscritto un Protocollo d’intesa con Regione Lombardia e Aler, per un progetto di riqualificazione urbana, inclusi interventi di ecoefficientamento e illuminazione pubblica, che riguarderà 2.667 unità immobiliari. Capitolo edilizia privata: avranno un ruolo da protagonisti gli “Sportelli energia” per sensibilizzare i cittadini all’efficienza energetica. Il risparmio previsto dal settore edilizia privata rispetto al 2005 sarà di 814 kton di Co2. Anche la gestione rifiuti rientra nel Paes, gli obiettivi sono la riduzione della produzione dei rifiuti e il potenziamento della capacità di recupero di materia ed energia della frazione organica. Riguardo alla mobilità, si punterà sull’incremento del trasporto pubblico su scala metropolitana e sulla creazione di altre zone 30, oltre la creazione di una Low emission zone alle porte della città per il controllo dei mezzi più inquinanti in entrata, saranno poi ampliati gli "sharing", gli itinerari ciclabili e anche la mobilità elettrica sarà incrementata. Infine, per l’illuminazione pubblica, con il completamento entro agosto della sostituzione delle luminarie cittadine con lampade a led si otterrà un risparmio di 31,3 kilotonnellate di Co2 rispetto al 2005. Si tratta di un piano molto concreto di sostenibilità ambientale - ha spiegato l’assessore Maran - che punta a ridurre la produzione di gas serra, diminuendo nel contempo le emissioni di inquinanti locali, contenendo i consumi energetici e favorendo il processo di transizione energetica, grazie al ricorso a fonti alternative. Complessivamente il Paes determinerebbe una diminuzione di 1484 kilotonnellate di Co2 rispetto al 2005, passando dalle 7.418 kton del 2005 alle 5.934 previste nel 2020.
Manuelita Lupo