PROTESTE DEGLI STUDENTI CONTRO GLI “STATI GENERALI DELL’ALTERNANZA”.

16 Dicembre, scuola presidiata, con striscione e interventi degli studenti contro l’alternanza scuola-lavoro.

È la protesta dell’IIS Oriani-Mazzini in occasione degli “Stati Generali dell’Alternanza”, l’appuntamento di oggi promosso dal Ministero dell’Istruzione per presentare la “Carta dei Diritti e dei Doveri degli Studenti” e un sito sull’alternanza scuola-lavoro in cui si potranno segnalare problemi e abusi. Un teatrino di retorica, l’accusa degli studenti, in cui il ministro promuove solo delle finte tutele “di facciata”. Presenti alla contestazione anche militanti del Fronte della Gioventù Comunista  (FGC) che denunciano lo sfruttamento in alternanza fin dalla sua introduzione.
«Le tutele false promosse dal Ministero servono solo a far diventare a norma lo sfruttamento degli studenti» dichiara Riccardo Sala, responsabile locale del FGC «Gli “Stati Generali” sono solo l’ultimo atto di una farsa tesa a legittimare le politiche dei governi sull’istruzione, giustificando tutti i problemi come delle inefficienze da migliorare per un’alternanza di qualità. La scuola-lavoro è stata pensata e voluta dai padroni, grandi industriali e banche a livello europeo, per modellare il sistema scolastico sulle loro esigenze di profitto. Alla base di questo progetto sta la necessità di questo sistema di avere intere generazioni di lavoratori senza futuro, educati allo sfruttamento, ad accettare ogni condizione di lavoro perché tanto “fa esperienza”. Ecco il vero volto dell’alternanza scuola-lavoro che agli studenti assicura un futuro di precarietà, sfruttamento e assenza di diritti »