RECUPERO DEI SEMINTERRATI

Il prossimo 21 febbraio il Consiglio regionale metterà all'ordine del giorno la legge sul recupero dei seminterrati.

L'obiettivo -   ha dichiarato Fabio Altitonante (FI) - è quello di dare la possibilità di recuperare i piani seminterrati di edifici e villette, senza nuove tasse. 
Circa 50 mila locali in tutta la Lombardia, potrebbero essere interessati da questa norma ed essere convertiti in appartamenti o in uffici, il cui unico 
vincolo sarebbe avere il soffitto di almeno 2,40 metri. Così i seminterrati 
diventerebbero case, come era avvenuto con la legge per i sottotetti.
Anche i Comuni potranno mettere dei vincoli: Le singole amministrazioni
precisa Altitonante - avranno 120 giorni dall'entrata in vigore della legge per escludere da questo recupero alcune aree del territorio. Con una delibera potranno indicare esigenze di natura paesaggistica, di rischio idrogeologico e di difesa del suolo. 
La legge, infine, avrà un'importante applicazione anche in campo di residenza Achille Colombo Clerici, presidente di Assoedilizia: Le sanatorie si fanno per le cose che non sono in regola. La legge regionale, invece, consente la trasformazione di spazi regolarmente costruiti. Basta questo per capire che è improprio parlare di sanatoria
Colombo Clerici spiega: Siamo molto favorevoli a questa normativa, perché si pone nell'ottica di un più razionale utilizzo del patrimonio edilizio  all'interno delle città.