Rigenerazione e riuso urbano

Sono questi due temi che vedono al centro il condominio ma che, dal punto di vista della penetrazione culturale, faticano a farsi strada. Ogni amministratore condominiale che abbia a cuore la professione sa che la valorizzazione dello stabile passa dalla manutenzione innovativa e dalle soluzioni, anche radicali, per renderlo adeguato alle nuove necessità della qualità abitativa e  del risparmio energetico. Ma pochi condòmini, invece, si rendono conto che gli investimenti sul corpo dell'edificio (e non solo sulla propria unità immobiliare) sono indispensabili.

Per questo è nato lo Smart City Forum, il cui primo nucleo promotore è stato annunciato pochi giorni fa dal presidente di Assoedilizia, Achille Colombo Clerici, nel corso dell'assemblea annuale. L'attività di studio è affidata a un Team di ricerca Iefe-Università Bocconi coordinato dai professori Giuseppe Franco Ferrari ed Edoardo Croci. L'osservatorio,  spiega Colombo Clerici, nasce nell'ottica «Di un auspicato futuro prossimo venturo di rigenerazione urbana; per approdare alla smart city, attraverso la riqualificazione urbano-edilizia (riuso/sostituzione) nonché la realizzazione della prestazionalità delle strutture e della biodiversità del tessuto urbano».

U.S. Assoedilizia