RIQUALIFICAZIONE DELLE CASERME

La valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico, l’ampliamento dell’offerta universitaria cittadina, la razionalizzazione degli spazi in uso alle Forze armate e dell’ordine.

Sono i molteplici obiettivi del Protocollo d’Intesa, cui partecipano Comune di Milano, Ministero dell’Interno, Ministero della Difesa, Ministero per i Beni e le attività culturali, Agenzia del Demanio e Università Cattolica del Sacro Cuore, per la realizzazione della nuova sede della Polizia di Stato nella caserma Montello di via Caracciolo, previo il trasferimento delle funzioni operative ora svolte dalla Difesa presso la caserma Santa Barbara di piazzale Perrucchetti, e l’acquisizione da parte dell’ateneo di piazza Sant’Ambrogio della prospiciente caserma Garibaldi.
Questo accordo è la prosecuzione di un importante percorso di collaborazione tra le istituzioni in atto da tempo, - ha commentato il sindaco, Giuliano Pisapia.
Si tratta di una straordinaria occasione per riqualificare e valorizzare parti importanti del territorio, senza consumo di suolo, - ha commentato l’assessore Alessandro Balducci.
L’intesa recepisce la volontà del Ministero dell’Interno e del Ministero della Difesa di ottimizzare le infrastrutture in uso e consentire la valorizzazione di quelle non più funzionali e ridurre le spese; la necessità dell’Università Cattolica di ampliare i propri spazi per finalità didattiche e di ricerca e quella della Polizia di Stato di disporre di una sede più adeguata alle esigenze di servizio. 
A tali fini il Protocollo prevede:
-l’acquisizione in proprietà della caserma Garibaldi da parte dell’Università Cattolica per un valore di 88 milioni di euro;
-l’impegno dell’Ateneo a erogare l’importo di cui sopra mediante finanziamento dei costi di rifunzionalizzazione della caserma Montello per le esigenze della Polizia di Stato e della caserma Santa Barbara per le necessità manifestate dal Ministero della Difesa;
-l’impegno del Comune di Milano a porre in essere tutte le attività necessarie a realizzare l’operazione e a garantirne la conformità urbanistica ed edilizia.
La difesa - ha affermato il ministro Roberta Pinotti, - conferma l’attenzione verso il territorio, in particolare nei confronti della città di Milano. Questo nostro percorso è un viaggio che continuiamo a fare con l’Agenzia del Demanio e le diverse municipalità, convinti che solo con il gioco di squadra si possono ottenere risultati come quello odierno, impensabili fino a poco tempo fa.