Sicurezza, droni in dotazione per la Polizia locale

Valido supporto per affrontare compiti complessi

Il Comune di Milano partecipa a un bando della Regione Lombardia per ricevere un cofinanziamento di 80 mila euro da aggiungere ai già stanziati 135 mila euro. Un importo complessivo di 215 mila euro consentirebbe all'Amministrazione l'acquisto di 50 telecamere Body Cam con smartphone provvisti di sistema di trasmissione radio, un drone professionale e altri supporti da trasferire alla Polizia locale per affrontare compiti che diventano ogni giorno più rischiosi.
In particolare, le telecamere Body Cam e i relativi smartphone, sono in grado di trasmettere immagini anche in notturna direttamente alla Centrale operativa e di inserirle nel sistema di videosorveglianza "Sistema Milano": un sistema integrato e condiviso con tutte le Forze dell'ordine in tema di videosorveglianza. Il drone, dotato di telecamere ad alta risoluzione anche per la visione notturna, può essere collegato alla centrale operativa e così ispezionare le aree di interesse. La cifra consentirà inoltre l'acquisto di 30 smartphone capaci di collegarsi direttamente ai canali della Centrale operativa grazie a un innovativo sistema di trasmissione radio. Questi apparecchi - già utilizzati in via sperimentale e con successo durante le operazioni di soccorso alle popolazioni terremotate del Centro Italia – sopperiranno le frequenze radio Tetra attualmente in uso talvolta rivelatesi di scarsa copertura.
La Polizia locale si trova a fare fronte, ogni giorno, a nuove richieste e a svolgere ruoli sempre più ampi, dovuti anche alle domanda di sicurezza che arriva dai cittadini. Le nuove tecnologie possono offrire un valido supporto per affrontare con sempre maggiore efficienza i compiti che gli agenti sono chiamati a svolgere, garantendo sicurezza sia a loro sia ai cittadini,- ha spiegato l'assessore alla Sicurezza Carmela Rozza. 
L'acquisto di questi strumenti tecnologicamente avanzati, - aggiunge il comandante della Polizia locale Antonio Barbato, – ci permetterà di avere, durante l’attività operativa, nuove modalità di raccolta di documentazione, utile anche per le indagini che successivamente la Polizia locale dovrà affrontare.
Davide Lorenzano