Turismo incrementato del 21% in 4 anni

Alberghi occupati al 78%, musei civici che hanno segnato +54% di visite cui si aggiunge una media di oltre 200 appuntamenti sul territorio comunale grazie al cartellone di ExpoinCittà e 194 nuove aperture tra ristoranti e bar.

Questi sono alcuni dei dati che indicano l'effetto positivo di Expo sul turismo di Milano presentati dall’assessore al Turismo, marketing territoriale Franco D’Alfonso nel corso della Commissione consiliare su Expo 2015, che si è così espresso: Milano nell’anno di Expo prosegue nel suo trend turistico positivo, infatti  dal 2010 al 2014 abbiamo assistito a una crescita complessiva del 21%. Dati che evidenziano come la città sia sempre di più una meta ambita dai turisti ed Expo rappresenta un’opportunità da cui partire per confermare nei prossimi anni la capacità attrattiva di Milano.
A conferma che la Milano di Expo sia entrata fra le mete più richieste dei viaggiatori internazionali gli arrivi nel sistema aeroportuale milanese che a giugno (rispetto sempre allo stesso mese del 2014) sono stati 890mila a Linate (+7,3%), 1.700mila a Malpensa (+0,9%).
Per quanto riguarda la nazionalità dei turisti giunti a Milano nel mese di maggio, al primo posto si collocano i cittadini americani, seguiti da francesi, inglesi e tedeschi. 
A questo riguardo si segnala come il circuito dei musei civici abbia fatto segnare una variazione del +54,3% rispetto al  2014, 117mila visitatori solo nel mese di giugno 2015. Il “Cenacolo” vinciano ha segnato 42mila ingressi (+27,8% rispetto a giugno 2014)  e il museo della “Pietà Rondinini” 24mila visitatori, il “Duomo”, simbolo di Milano, fa segnare 290mila (+15%).
L’offerta culturale, di appuntamenti ed eventi presenti sul territorio si è ampliata anche grazie al calendario di ExpoinCittà che ha proposto 551 eventi, 515 solo nel mese di maggio su un totale di 6.028 pubblicati sul portale del Comune di Milano.
L’onda positiva di Expo si vede anche da un punto di vista commerciale: negli ultimi 18 mesi abbiamo assistito a un saldo effettivo di 194 nuove aperture, nello specifico si registrano 417 aperture per bar, ristoranti e pub  a fronte di 407 chiusure con un saldo positivo di più 10 esercizi, mentre nello stesso periodo, per quanto concerne le attività artigianali come rosticcerie, pizzerie e gelaterie sono state totalizzate 234 aperture contro 50 chiusure  pari a un saldo positivo di 184 nuove attività.