Monforte - Risorgimento: molestie sulle donne

In un articolo di circa un anno fa segnalai l’annoso degrado in cui versava la zona Monforte. I buontemponi che gravitavano attorno all'Opera San Francesco, ubriachi sin dal primo mattino, utilizzavano gli arredi urbani come letti (le panchine di C.so Indipendenza svolgevano a tutti gli effetti la mansione di dormitorio pubblico), o come sanitari (la piccola Via Raiberti all'angolo con L’Unes di Viale Premuda assomigliava ormai alla toilette di un pub irlandese in una perenne festa di San Patrizio). Un problema tutt'ora irrisolto con il quale i residenti, nolenti e basta, hanno imparato, o meglio, si sono rassegnati a coesistere. Tuttavia, di recente, si è passato il segno perché sono giunte al nostro orecchio segnalazioni di molestie sessuali subite da alcune donne: tre per quanto abbiamo potuto apprendere sin ora.

La prima in C.so Concordia dove una signora, intenta a chiudere il negozio, è stata avvicinata da un ubriaco che ha cominciato a palpeggiarla; impaurita ma con notevole sangue freddo la donna ha dissuaso il disgustoso individuo a non proseguire con una pedata ben assestata in mezzo alle gambe. La seconda in Viale Premuda dove una ragazza si è trovata di fronte un sordido ometto che, dopo averle offerto denaro in cambio di un rapporto sessuale, si è fortunatamente rivelato troppo ubriaco per poterla inseguire nonostante l’insistenza. E la terza sempre nel suddetto Viale, riguardante la dipendente di un ristorante in chiusura alla quale è venuto in soccorso un collega per allontanare l’ebbro molestatore di turno.

Con tutte le probabilità questi episodi sono ben più numerosi; sulla situazione della zona Monforte sono state spese fin troppe, e tropo spesso a sproposito, parole ma non erano ancora venuti alla luce tali  deprecabili accadimenti. Per quanto si viva nella civile e moderna Milano, ci troviamo comunque in Italia dove si grida allo scandalo solo quando il peggio è già avvenuto.

Invitiamo quindi chiunque abbia subito o subisca molestie nel quartiere a segnalarlo presso la nostra redazione http://viveremilano.info/contact-us, al Comitato Concordia residenticoncordia@gmail.com  e direttamente alle Forze dell’ordine per richiamare finalmente e definitivamente l’attenzione delle autorità competenti su questa incresciosa e progressiva barbarie. E in secondo luogo, per confutare l’illuminante affermazione di un uomo il quale, mentre orinava su un palazzo di Viale Premuda, alla domanda “perché ti comporti così”, ha risposto “perché qui da voi posso farlo”.

                                                                                                                         Riccardo Rossetti