STRISCIONI CASAPOUND

Episodi organizzati, tipico atteggiamento squadrista. Acquisizione immagini e notizia di reato contro ignoti.

La Polizia Locale sta raccogliendo tutti gli elementi utili per le indagini, comprese le immagini delle telecamere, e domani il comandante Antonio Barbato depositerà in Procura una notizia di reato a carico di ignoti per le affissioni abusive di questa notte martedì 5 giugno di striscioni firmati CasaPound. Per quanto riguarda invece il blitz della scorsa settimana in Consiglio comunale da parte degli esponenti di CasaPound, la relazione di servizio e le immagini dell'Aula sono state già consegnate alla Digos. Lo ha comunicato l’assessore alla Sicurezza Carmela Rozza.
Questi due episodi a poca distanza l’uno dall'altro - ha commentato l’assessore -, denotano un'organizzazione e una strategia preoccupante che richiede una condanna netta da parte di tutte le forze politiche. In democrazia la libertà di pensiero è un diritto, ma il pensiero presuppone anche idee e proposte. In questo caso vediamo solo insulti: un tipico atteggiamento squadrista e fascista.