Aumenta la sicurezza al Duomo

Un "occhio" conterà i visitatori.

Dopo l'avventura notturna del giovane americano dell'Illinois che, rinchiuso nel Duomo, ha trascorso la notte dormendo tra le guglie sul tetto e preoccupato anche per l'attacco alla chiesa in Francia, Gianni Baratta, direttore della Veneranda fabbrica del Duomo ha chiesto l'aiuto della polizia per il controllo anche durante la chiusura delle visite. Nel frattempo, si attende l'arrivo dell'occhio elettronico, che verrà installato in autunno e che sarà in grado di contare tutte le entrate e tutte le uscite dei visitatori, mettendo in evidenza eventuali differenze. Si ricorda anche che le persone che entrano al Duomo ogni anno superano i sei milioni.
I turisti ora devono affrontare una duplice coda: la prima alle biglietterie per il pagamento dell'ingresso, la seconda per il controllo col metal detector e la visita a borse e zaini, quindi mostrando il biglietto possono entrare in Duomo. Purtroppo sono attese lunghe code, a volte si possono superare trenta minuti. Ma non finisce qui, altra coda all'ascensore e poi ultimo controllo all'uscita. Ma ne vale la pena.