Nuovi spazi in Galleria Vittorio Emanuele

La Galleria Vittorio Emanuele è forse uno dei simboli più noti di Milano, in Italia e all'estero; edificata dall'architetto Mengoni alla fine del XX secolo, è conosciuta anche come “il salotto di Milano”, in quanto è uno dei luoghi di ritrovo preferiti in assoluto dai milanesi.

Se in passato era stata lasciata un po' a se stessa, in anni recenti si è assistito a una sua rinascita, con un imponente restauro effettuato in occasione dell'esposizione universale.
Oggi la Galleria è perciò tornata a splendere e ad essere fruribile appieno dalla cittadinanza: oltre ai lavori che hanno rimesso a nuovo le decorazioni, è stato aperto riaperto il percorso pedonale percorribile sulla sua cima, che permette di godere di una vista unica su Milano.
Il monumento ha recentemente acquisito anche una fama internazionale, perchè all'interno di alcuni suoi locali (collocati ai piani superiori) è ospitato l'unico albergo al mondo che può vantare sette stelle.
La Galleria è quindi tornata al centro della scena cittadina, e l'onda lunga di tale successo sembra non volersi fermare: il Comune di Milano, infatti, ha emanato due nuovi bandi di gara per l'assegnazione di due grandi spazi di circa 500 metri quadrati, collocati ai piani alti, sia sopratutto un bando per l'utilizzo dell'ex albergo diurno Cobianchi, recentemente tirato a lucido e teatro di numerosissimi eventi durante i sei mesi di Expo.
Riguardo quest'ultimo, la gara è rivolta sopratutto ad associazioni ricreative, sociali o culturali che, a fronte di uno sconto del canone di locazione, dovranno presentare dei progetti che sappiano valorizzare al meglio gli spazi del Cobianchi e organizzare eventi in grado di coinvolgere il maggior numero possibile di turisti e cittadini.
Un nuovo tassello, dunque, che si aggiunge agli altri che, visti con uno sguardo d'insieme, vanno a costituire il mosaico della rinascita di Milano di questi ultimi anni.