Il Comune chiede la bonifica del parco Trotter

Nella giornata di giovedì 26 febbraio, alcuni ragazzi disabili hanno trovato nel parco Trotter di via Giacosa una granata M75 di produzione serba. I giovani hanno avvistato l'ordigno mentre erano intenti a svolgere le loro attività ricreative.

Immediatamente gli artificieri, con l'ausilio della polizia, hanno rimosso il pericoloso oggetto. 
Il Comune di Milano, in accordo con Prefettura e Questura, ha chiesto al corpo specialistico delle Forze armate di provvedere alla bonifica del parco Trotter, per offrire la massima sicurezza ai frequentatori dell’area e alle scuole.
Il Comune ha anche disposto la chiusura del parco, transennato, e la presenza fissa di alcuni uomini della Polizia locale: queste precauzioni resteranno attive fino alla conclusione della bonifica. 
Intanto le attività scolastiche non sono state sospese, ma all'esterno delle scuole della zona vi è la supervisione degli agenti di Polizia locale. 
Marco Granelli, assessore alla Sicurezza e coesione sociale, ha dichiarato che sono state messe subito in atto le massime precauzioni senza generare allarmismi inutili.
Riguardo all'accaduto Alberto Proietti, consigliere di zona 2, ha dichiarato: Fanno bene le Forze dell'ordine a realizzare una bonifica accurata di tutto il parco scolastico Trotter dopo il ritrovamento della seconda bomba a mano nel giro di 18 mesi, ma sorge spontanea una domanda:  siamo sicuri che in passato siano state fatte tutte le indagini necessarie per verificare che non ci fossero altre bombe a mano nell'area? A meno di prove insindacabili, rimane il dubbio che l'ordigno fosse già lì, nello stesso posto di quella ritrovata precedentemente.
Tutti aspettiamo risposte chiare.
F.A.