Via Gluck cambia faccia?

La cosa era partita da tempo, ma ha avuto evidenza pubblica con l’iniziativa "Il ragazzo della via Gluck compie 50 anni" dello scorso 13 febbraio, promossa da Associazione Amici della Martesana, Museo del Manifesto Cinematografico, Fan Club “Il Celebre” ed Associazione AgoràFutura.Net, che ha avuto un rilievo mediatico nazionale, anche con un intervento di Adriano Celentano al TG1.

Adesso, dopo un lavoro certosino di “progettazione partecipata” che vede protagonisti i cittadini, si sta passando alla proposta di riqualificazione di un pezzetto di quartiere, trasformando la piazzetta di via Gluck a ridosso di viale Lunigiana in uno spazio d'incontro, con verde e panchine, mentre oggi è preda della sosta selvaggia. L’idea è di realizzare una Zona a Traffico Limitato tra le vie Bruschetti e Lunigiana, tutelando i parcheggi per i residenti, potenziando l'illuminazione, sistemando panchine, con parcheggi per biciclette ed altro.
E’ “Il nostro grande sogno per la via Gluck”, che prevede anche l’installazione di sagome di ragazzini che giocano a piedi nudi nell'erba, «Là dove c’era l’erba ora c’è una cittàààààààà», perché negli anni Sessanta i ragazzini che giocavano sull'erba erano abituati a togliersi le scarpe per non rovinarle.
Questi luoghi fanno parte della cultura italiana degli anni ‘60 e sono il simbolo di un'idea ambientalista ed ecologista che stava nascendo in quegli anni. Anche per questo motivo è importabte creare uno sprazzo di verde tra il cemento, mezzo secolo dopo “Il ragazzo della via Gluck”. Un desiderio che è stato abbracciato da migliaia di persone. E prossimamente l’Associazione Amici della Martesana-Greco, che ha lanciato l’idea insieme a Legambiente, con la partecipazione dell’Associazione 4Tunnel, presenterà i progetti al quartiere e al Municipio 2.
Alberto Pellin
Amici Martesana-Greco