Lambrate, Joy: non solo un bar

Nello spazio esterno della Biblioteca Valvassori Peroni di Lambrate è stato aperto di recente un nuovo e innovativo locale destinato non soltanto al ristoro ma anche e soprattutto alla promozione sociale.

Si chiama Joy ed è il nuovo punto di aggregazione giovanile in grado di conciliare la natura che contraddistingue gli stessi ambienti della struttura ed esigenze quali lo studio, il lavoro, il dibattito, oltre che la possibilità di mangiare uno spuntino.
Nato da un bando del Comune di Milano, lo spazio è stato inaugurato venerdì 10 giugno. L'architettura del luogo è stata progettata da tre studenti di Stefano Boeri attraverso il riutilizzo di un materiale adattabile per via della sua flessibilità, ovvero la rete metallica elettrosaldata per armatura. Con l'aiuto degli studenti del quarto anno di Architettura, che hanno creato il progetto e seguito i lavori, un posto di cemento sconosciuto ai più è diventato un giardino che affaccia sui campi e che riceve la luce del tramonto. – ha dichiarato Giorgio Corradi, fra i ragazzi che hanno lavorato al progetto architettonico del Joy Bar, per mezzo del sito Chiamamilano.it – Così è nato il Joy, un luogo di studio, di intrattenimento e di socialità che vorrebbe vivere delle idee e della partecipazione dei cittadini.
Davide Lorenzano