Nuova ciclofficina nello stabile di via Paisiello, 5

I beni sequestrati e confiscati a Milano raggiungono quota 161

Nello stabile confiscato alla mafia di via Paisiello, 5 nasce la “Ciclofficina zona Loreto”: qui, grazie alla presenza costante di un maestro biciclettaio, l'associazione Gruppo volontari A.G.V. Onlus insegnerà a ragazzi provenienti dall’area del disagio, in special modo dal carcere del Beccaria, l’arte della riparazione delle biciclette. I ragazzi saranno monitorati da operatori del Comune durante tutto il loro percorso di reinserimento nella società.
È molto positivo che un bene tolto alla mafia diventi uno strumento per sostenere percorsi di legalità e progetti utili per il futuro dei giovani milanesi – hanno dichiarato gli assessori Granelli, Maran e Majorino -. È importante che all’interno di questi locali sia sorta una ciclofficina, un servizio che promuove l’uso delle due ruote e della mobilità sostenibile in una città dove i ciclisti sono sempre più numerosi.
A Milano i beni confiscati e poi riassegnati sono complessivamente 161: sono stati destinati ad associazioni del terzo settore e del volontariato e utilizzati per numerose e diverse attività di sostegno alla persona e promozione della socialità: assistenza agli anziani e alle persone con disabilità, laboratori di quartiere per giovani, abitazioni per famiglie in difficoltà, negozi solidali, spazi per iniziative culturali.
R.B.