Nuovo marciapiede in via Fabio Massimo

Dalla rotonda di viale Omero si raggiunge il raccordo autostradale percorrendo la via Fabio Massimo, una strada stretta a senso unico con due marciapiedi molto piccoli.

Soprattutto questi ultimi, con tratti dissestati, vengono percorsi dagli abitanti della zona per recarsi alla fermata “Porto di mare” della metropolitana M3. In sovrappiù, nel tratto dal numero civico 41 al 43 il marciapiede proprio non esiste. Dall'uscita della metropolitana si raggiunge il Parco Cassinis, frequentato da scolaresche e famiglie con bambini piccoli, attirati dal percorso di “orientering” e dal “parco avventura” realizzati nell'area verde. Da qui la necessità di costruire il marciapiede mancante, di mettere in sicurezza il percorso con una barriera di acciaio, di spostare l'attraversamento pedonale, oggi troppo vicino alla curva che porta al raccordo dell'autostrada, e installare dei dissuasori di velocità per i veicoli in transito. Il Municipo (ex Consiglio di zona) ha deliberato di nuovo queste richieste ai settori competenti che, sino ad ora, non avevano dato riscontro ai diversi solleciti del Cdz 4.
Lucio Oldani