Episodi di cronaca di zona 6

Stai attento, apri gli occhi

In Zona 6 si sono verificati 2 episodi di cronaca che hanno come comune denominatore l’attenzione. Essere attenti, capaci di osservare aiuta sempre e molte volte ci risparmia danni peggiori.
Il primo si è verificato in via Bensi presso il parcheggio della linea Rossa della metro di Bisceglie. Protagonista è stato un giovanotto di 30 anni che in piena notte ha deciso di fermarsi per una breve sosta. Mentre, a bordo della sua auto, stava fumando una sigaretta, una macchina si è accostata alla sua. Dall’auto è sceso un tizio di colore che gli ha puntato contro una pistola chiedendogli di consegnargli il portafoglio. Per niente intimorito e con self-control d’acciaio il giovane si è accorto che si trattava di un’arma giocattolo. A quel punto, senza il minimo dubbio con uno scatto felino, si è scagliato contro l’aggressore e il balordo è scappato a gambe levate. Il giovane ha chiamato i carabinieri che intervenuti sul posto non hanno avuto difficoltà a risalire al maldestro aggressore perché aveva lasciato lì la sua auto. L’uomo, un 40enne nigeriano, è stato rintracciato presso la sua abitazione, arrestato e portato a San Vittore.
Il secondo episodio ha come protagonista un uomo di 77 anni con la passione di collezionare macchine fotografiche d’epoca.
L’uomo nel luglio del 2015 subisce il furto della sua collezione di pezzi unici dal valore di 30mila euro. Sconfortato, come tutti coloro a cui portano via qualcosa di importante, non si perde d’animo e come un segugio si mette a frequentare tutti i mercatini d’antiquariato che conosce. In quello di Buccinasco intravede sul banco di un ambulante una delle sue macchine fotografiche. Prende nota del numero di matricola, si fa dare il numero di cellulare dell’ambulante e corre a casa. Verificato che il numero corrisponde a quello riportato nella denuncia di furto si precipita al Comando dei carabinieri di Porta Genova e racconta ogni cosa. Il Giudice delle Indagini Preliminari dà l’autorizzazione per una perquisizione . I carabinieri si recano nell’abitazione dell’ambulante e trovano 40 macchine fotografiche. L’anziano collezionista riconosce le sue e ne rientra in possesso. L’ambulante viene arrestato per ricettazione. In entrambi i casi l’attenzione ha permesso ai malcapitati d’intervenire. Certo le loro reazioni sono state differenti: il primo ha usato la forza fisica mentre il secondo l’astuzia.  L’attenzione li ha, comunque, aiutati a capire che potevano affrontare i loro avversari.
Flavio Fera