Il Consiglio di Zona 7 paga lo sport ai bambini in difficoltà

Ventimila euro a favore delle famiglie che non possono permettersi di pagare l'iscrizione allo sport per i propri figli. È il provvedimento deliberato lunedì sera dal Consiglio di Zona 7, per favorire la pratica sportiva da parte di chi si trova in difficoltà, a causa della persistente crisi economica.

Lorenzo Zacchetti, Presidente della Commissione Sport di Zona 7, ha spiegato: “Chi vive a contratto con le società sportive sa bene che in questo momento il mancato pagamento delle quote rappresenti una delle principali preoccupazioni. Nella maggior parte dei casi, sono le stesse società a fare fronte alla sopraggiunta mancanza di disponibilità economica da parte delle famiglie, coprendo le quote mancanti con fondi propri. Per questo, la Commissione Sport ha deciso di devolvere l'intera somma di contributi a sua disposizione per l'integrazione di chi vive una fase difficile. È importante sottolineare come le società sportive vadano considerate parte integrante di un sistema moderno di welfare: la rinuncia alla pratica motoria non fa che aumentare l'emarginazione e le problematiche sociali. I contributi saranno assegnati attraverso una graduatoria, ma considerando un valore medio di 200 euro per la singola iscrizione, permetteremo di fare sport a circa 100 ragazzi, il che rappresenta una fonte di grande soddisfazione. L'iniziativa si iscrive in un più ampio progetto che ci vedrà in prima linea per rendere più sereno il Natale di chi è stato colpito dalla crisi ”.

Il meccanismo scelto della Zona 7 prevede che i soldi vengano assegnati alle società sportive richiedenti, sulla base di precisi parametri quali il numero dei tesserati, la loro età, la qualità del progetto sportivo globale, il costo dell'iscrizione e le quote coperte in proprio, laddove le famiglie non sono in grado di farlo.
Si è preferito evitare di dare soldi alle famiglie, per una questione di riservatezza, ma anche di dare soldi “a pioggia”, limitando l'accesso ai contributi alle società che hanno lo sport come oggetto esclusivo (o prevalente) della propria attività e che sono iscritte all'albo delle associazioni di Zona 7. Per il 2015, il Consiglio di Zona intende collaborare con i servizi sociali per estendere gli incentivi a chi ancora non fa sport, a causa di problemi economici.

Il relativo bando verrà pubblicato nei prossimi giorni, con tutte le indicazioni dettagliate per parteciparvi.