Hanno richiesto asilo politico e collaborano con la Caritas

La Caritas ambrosiana, per aiutare gli anziani rimasti soli a Milano durante le ferie d'agosto, ha reclutato sei giovani, quattro uomini e due donne, profughi africani che avevano effettuato richiesta d'asilo, per affiancarli ai Personal shopper.

x-default

Il personale cioè che si occupa dell'assistenza agli anziani e ai disabili per aiutarli a fare la spesa, i lavori di casa, e accompagnarli dov'è necessario. Si tratta di un servizio fatto da volontari. I sei giovani erano stati accolti dalla organizzazione legata alla Diocesi e poi dalle parrocchie. Il direttore della Caritas Ambrosiana, Luciano Gualzetti, aveva riferito in un'intervista sul Corriere Della Sera: Hanno tutti aderito di buon grado alla nostra proposta... questa esperienza può essere un segno di speranza, utile a tutti per ricordarci i valori della nostra convivenza senza cedere alla paura. I sei giovani opereranno nel quartiere di viale Zara che fa parte del Municipio 9. Questo servizio rientra nel piano anticaldo del Comune dove sono già attivi 58 volontari ai quali ora si accodano i sei giovani africani.