Il problema dello spaccio

Piazza Gasparri alla Comasina è un luogo dove si spaccia.

Lo sa bene la polizia locale che il 18 luglio nota un giovane cinese intento a scavare nell'area verde dietro un cespuglio. Notano che prende un pacchetto, lo inserisce nella borsa della spesa di una compagna che lo attendeva e insieme si allontanano sul bus 41 di passaggio in quel momento. Scendono in via Vincenzo da Seregno dove i due vengono fermati, nella borsa della donna i poliziotti trovano tra i pacchi della spesa una busta di plastica con 603 grammi di shaboo e un bilancino elettronico. Nella casa poi della ragazza in zona Certosa scoprono che l'appartamento veniva utilizzato dai fumatori come luogo di sosta e uso di metamfetamina.
Si tratta di una droga che ha effetti devastanti, crea una forte dipendenza e può spingere a comportamenti paranoici. Può essere venduta a prezzi altissimi anche a 300 euro al grammo. Lo spaccio di questa metamfetamina, gestito dalla criminalità organizzata orientale, viene sempre più incrementato. Da gennaio sono già stati arrestati in città una sessantina di spacciatori e bloccati due chili di shaboo.