COM'È BELLA MILANO

Cari lettori, anche questo mese propongo un itinerario in periferia che ci faccia sentire già in vacanza. Andremo infatti a visitare la Cascina Chiesa Rossa e i suoi dintorni. Si tratta di un insediamento rurale nella località anticamente chiamata Fontigium. Costituito da una chiesa con accanto una cascina dotata di una grande corte su cui davano i portici, la stalla, la porcilaia e la letamaia. Costruita nel 1139 su fondamenta pre-cristiane, la chiesa prende nome dal materiale dominante, il mattone rosso che verso il tramonto accentua ancor di più il suo colore. La straordinaria ricchezza d'acqua nella zona favorì l'insediamento di numerose cascine e mulini facenti parte del fondo del convento delle Benedettine, affidatarie della Chiesa che, già nel 1300, attuarono un'importante ristrutturazione facendo intervenire per le decorazioni artisti della scuola di Giotto. Ora rimangono solo tracce degli antichi dipinti, che narrano la vita e l'annuncio della morte della Vergine Maria. Alla fine del '700, soppresso il monastero, le cascine passarono in proprietà ai privati, mentre la chiesa subì radicali interventi perdendo la sua funzione in quanto utilizzata come deposito e granaio. Le Cascine denominate Chiesa Rossa, furono acquistate dal Comune di Milano nel 1960 e rappresentano uno straordinario esempio di recupero. Pur riuscendo a mantenere le caratteristiche originarie, comprese le capriate e i caratteristici mattoni rossi, oggi l'ex cascina è in grado di accogliere presso la Biblioteca Civica bambini e adulti. 350.000 volumi e i più moderni impianti informatici sono a disposizione del pubblico. Il complesso comprende cinque edifici tra cui la chiesa di Santa Maria alla Fonte, due edifici di abitazione, due prettamente rurali e un ampio parco. Nell'ambito del progetto di riqualificazione dell'area sono stati attuati il risanamento conservativo della cascina grande, realizzati progetti di un bosco e un frutteto, nonché il risanamento conservativo della chiesa, della canonica e delle aree di pertinenza. Nella vicina via Neera visiteremo anche la più moderna chiesa novecentesca di Santa Maria Annunciata in Chiesa Rossa. La particolarità che la distingue fra tutte le altre è l'illuminazione, garantita da una particolare installazione a luce fluorescente, ideata dall'artista americano Dan Flavin e donata alla parrocchia nel 1997 dalla fondazione Prada. Si tratta di grandi neon rossi, blu, gialli, rosa, verdi e a luce ultravioletta che donano alla chiesa, caratterizzata da un'architettura rigorosa ed essenziale, un'atmosfera singolare e avvolgente, soprattutto se la si visita quando fuori è buio.

Ed ecco le visite proposte per il mese di maggio: martedì 15 maggio visita al Cimitero Monumentale e Chiesa di S. Antonio da Padova. Ci troviamo alle 15,00 davanti all'entrata del cimitero. Martedì 22 maggio percorso riportato nell'articolo qui sopra. Ci troviamo alle ore 15 uscita metrò verde Piazza Abbiategrasso. Martedì 29 maggio visita alla città di Lodi ci troviamo alle ore 15.00 alla stazione Centrale con i biglietti già fatti, il treno parte alle ore 15.20. Martedì 5 giugno visita alla città di Vimercate. Ci troviamo alle ore 15.00 alla fermata metrò verde Cologno Nord,l'autobus parte alle 15.20. Martedì 12 giugno visita alle ville di Cimiano e Parco Lambro. Ci troviamo alle ore 15.00 uscita metro verde Cimiano. Ricordiamo che i percorsi, specie quelli fuori Milano possono essere di una discreta lunghezza e pertanto vanno affrontati di buon passo. Si raccomanda quindi scarpe comode e resistenza alla deambulazione spedita.

 

Albertina Fancetti