IL SANTO DEL GIORNO 23 aprile

San Giorgio Martire di Lydda
protettore di:alabardieri, arcieri, armaroli, cavalieri, piumaroli, scout, soldati

S. Giorgio visse nel II secolo, sotto l'impero di Diocleziano. Di questo Santo, tanto venerato ovunque, e specialmente in Inghilterra, si hanno poche notizie, tuttavia sappiamo che fu onorato in tutta l'antichità quale soldato valoroso e martire illustre, e invocato patrono della milizia cristiana. È rappresentato in atto di sconfiggere colla lancia il dragone, mentre legata a un palo sta in atto supplichevole una fanciulla. Nella terribile persecuzione di Diocleziano, il santo guerriero animava i Cristiani perseguitati a ricevere con fortezza il martirio, a non cedere alle lusinghe dei tiranni, a professare sinceramente fede a Gesù Cristo. L'imperatore gli impose di cessare questo suo ministero e di piegarsi davanti agli dèi di Roma imperiale; ma S. Giorgio francamente gli rispose: «Rispetto le tue leggi, ma non piego le ginocchia a terrene e false divinità». Infuriato a tale risposta, il tiranno lo degradò, lo condannò a molti terribili supplizi, finché gli fu troncato il capo e cadde martire di Cristo il 23 aprile del 303.  

ALTRI SANTI del 23 aprile

Sant' Adalberto di Praga, Sant'Eulogio di Edessa, San Gerardo di Toul, San Giorgio di Suelli, San Marolo di Milano

.