IL SANTO DEL GIORNO 26 aprile

San Cleto (Anacleto) Papa

S. Anacleto nacque in Atene dopo la metà del primo secolo, destinato da Dio a reggere sapientemente la Chiesa in tempi perniciosissimi. Già durante i suoi studi si distinse per l’ingegno e la bontà del suo carattere. A Roma fu consacrato sacerdote e alla morte di Papa S. Clemente, Anacleto venne scelto alla successione per unanime consenso popolare, nel 103.

L'eroismo dei primi martiri era stato oggetto di ammirazione in tutto l'impero romano e fruttava sempre nuove conversioni. Una religione che faceva donare la vita per essa, non poteva essere falsa. Essendo dunque i cristiani minacciati continuamente di morte, Anacleto ordinò che alla fine della Messa tutti i presenti si comunicassero e così, dando Gesù Cristo ai suoi figli, li muniva di forza straordinaria nel caso che fossero stati presi e condannati. Fu ancora S. Anacleto che disciplinò la consacrazione dei vescovi e ordinò che i sacerdoti fossero eletti per comune consenso del popolo, affine di consacrare così al servizio dell'altare solo individui dotti e virtuosi. Nelle sue poche lettere tratta magistralmente dell'autorità pontificia e delle prerogative dell'apostolo Pietro. Nel 112 dopo aver governata la Chiesa per nove anni venne incatenato e, perseverando nella confessione della fede, fu ucciso il 19 luglio. Il suo corpo fu sepolto nel Vaticano.  

ALTRI SANTI 26 aprile

 San Basileo di Amasea, San Pascasio Radberto, San Primitivo, San Ricario di Celles, Santo Stefano di Perm.