IL SANTO DEL GIORNO 26 maggio

San Filippo Neri Sacerdote

ALTRI SANTI: Sant' Andrea Kaggwa, San Berengario di Saint-Papoul, San Desiderio di Vienne, Sant'Eleuterio, Santa Felicissima, Santi Giovanni Doan Trinh Hoan e Matteo Nguyen Van Phuong, San Giuseppe Chang Song-jib, San Lamberto di Vence, Santa Maria Anna di Gesù de Paredes, San Pietro Sanz i Jordà, San Ponziano Ngondwe, San Prisco.

Nacque a Firenze da ricca famiglia nel 1515. Ebbe un carattere singolarmente mite, così da essere chiamato "Pippo il Buono". Finiti gli studi e fatto sacerdote, si diede con tutte le forze alla propria santificazione. Il demonio gli suscitava violenti moti della carne, che egli vinceva coll'orazione e coi digiuni.Amava molto i poveri ed era di continuo a contatto con il popolo; visitava gli ammalati nelle loro case e negli ospedali, e li serviva di giorno e di notte. Però prediligeva i giovani, e la sua stanza era divenuta il loro ritrovo gradito. La sua parola era ricca di facezie e comunicava agli astanti l'allegria santa che traboccava dal suo cuore: i suoi detti ai giovani sono passati alla posterità come proverbi di grande sapienza. A S. Maria della Vallicella fondò la Congregazione dell'Oratorio che fu di aiuto alla Chiesa nell'educazione della gioventù. Filippo, semplice e umile, rifuggì sempre gli onori e dignità ecclesiastiche, più volte offertegli. Morì il 26 maggio del 1595, a 80 anni. I medici gli trovarono due costole adiacenti al cuore inarcate a causa dei violenti battiti. Famose le sue parole “State buoni se potete”.