IL SANTO DEL GIORNO 4 marzo

San Casimiro, Principe polacco, protettore dei giovani

Casimiro, figlio di Casimiro III, re di Polonia, appartiene alla numerosa schiera dei santi, morti in giovane età.  Nato nel 1458, ricevette dalla madre prima e dal canonico Dugloss poi, una profonda educazione religiosa. Disprezzava il lusso, vestiva sommessamente, portando un rozzo cilicio che gli martoriava le membra. Assisteva quotidianamente alla Messa e recitava un inno che aveva composto a Maria per la quale aveva una particolare devozione. Spesso dormiva sul nudo pavimento, interrompendo il sonno con la preghiera. Il popolo ungherese lo richiese come re. Costretto dal padre, accettò. Ma quando seppe che gli ungheresi si erano riconciliati con la antica dinastia che li aveva fino allora governati, rifiutò l’incarico. Tornato al suo palazzo, per 12 anni continuò il suo tenore di vita, totalmente dedicata a Dio.
Colpito dall’etisia, il suo pallido volto non perse quell’aspetto angelico e serafico che lo distingueva. Conosceva il giorno della sua morte, a cui si preparò con tutto il cuore ricevendo i SS sacramenti e senza trascurare la sua ilarità e affabilità. Il suo corpo venne sepolto con onori principeschi, nella chiesa di S Stanislao. Nel 1521 papa Leone X lo canonizzò santo.
Quando dopo 120 anni, si vollero esporre i suoi resti ai fedeli, il corpo era incorrotto nelle sue vesti regali. Fu un esempio di purezza per i giovani e dichiarato protettore della Polonia.