Milan Urban Food Policy Pact . Sono 163 le città del mondo che hanno aderito.

Austin, Baltimora, Chicago, Miami, Minneapolis, New Haven, New York, Pittsburgh, San Francisco, West Sacramento, Madison e Washington. Sono queste le ultime 12 città nordamericane che con la loro firma hanno fatto raggiungere le 163 adesioni al Milan Urban Food Policy Pact. Alla presenza del Comune di Milano, durante la United States Conference of Mayors, nella capitale degli Stati Uniti hanno firmato i sindaci di Washington DC e Madison (Wisconsin). Il Milan Urban Food Policy Pact è una delle principali eredità di Expo 2015, si tratta di un patto internazionale sulle politiche alimentari urbane. Le città che sottoscrivono il documento si impegnano a lottare contro lo spreco, ma anche a rendere il sistema alimentare più equo e sostenibile, attraverso misure volte a garantire cibo sano e alla portata di tutti, oltre a preservare la biodiversità. Milano, durante l’incontro, organizzato dalla città Washington DC e dalla United States Conference of Mayors e al quale hanno partecipato sindaci e responsabili delle food policy USA, ha presentato il lavoro effettuato durante l'ultimo triennio all’interno della Food Policy, soprattutto su quanto fatto da Milano Ristorazione nel sostenere l’alimentazione sana nelle scuole, oltre i provvedimenti presi dai diversi ambiti dell’Amministrazione per osteggiare lo spreco alimentare. I risultati del Milan Urban Food Policy Pact sono in continua crescita, infatti, dal lancio del 2015, sono state avviate tante collaborazioni sui temi del cibo da parte di città di tutto il mondo e nel contesto di network come C40, Eurocities e la US conference of Mayors. La continua crescita dell’interesse degli USA per Milan Urban Food Policy Pact scaturisce anche dall’impegno della città di Baltimore vincitrice della prima edizione del Milan Pact Awards nel 2016. Questo premio sostenuto dal Comune di Milano e da Fondazione Cariplo, valorizza le buone pratiche attuate dalle città firmatarie del Patto e prevede due importanti riconoscimenti. Con le somme ricavate dal premio, i vincitori trasferiscono il progetto a un’altra città. In ultimo, le città partecipanti alla US Conference of Mayors hanno stabilito di adottare il Patto quale documento guida per le loro iniziative.

Manuelita Lupo