Le mostre alla Triennale

Rimarrà aperta sino al 14 settembre alla Triennale Design Museum la mostra No Name Design, a cura di Franco Clivio e Hans Hansen, una selezione di circa 1.000 oggetti, classificati per funzione, tipologia, materiale o per associazioni formali. Da diversi decenni, Franco Clivio ricerca e colleziona oggetti di uso comune solitamente considerati banali ma che racchiudono qualità tecniche ed estetiche straordinarie. Da osservatore perspicace e curioso, Clivio mette in evidenzia l’ingegnosità e l’intelligenza di questi utensili dal design spesso anonimo. Vero e proprio “cabinet de curiosités”, la mostra è un omaggio a oggetti a priori insignificanti che però hanno modificato e migliorato la qualità della nostra vita.

Al Design Museum d’autunno:

Lina Bo Bardi: Together  4 Sett. – 5 Ott. 2014
La Triennale Design Museum con la mostra Lina Bo Bardi: Together, a cura di Noemí Blager, presenta una reintepretazione dell’opera di Lina Bo Bardi attraverso il lavoro dell’artista Madelon Vriesendorp, dei film di Tapio Snellman e delle fotografie di Ioana Marinescu. Più che presentarsi come una monografica e antologica, la mostra vuole quindi mettere in evidenza il rilevante contributo di Lina Bo Bardi nel campo del progetto, il metodo, l’attualità delle sue ricerche e l’influenza che anche oggi riescono a esercitare su artisti e progettisti contemporanei.  

Textile vivant Percorsi, esperienze e ricerche del textile vivant. 10 Sett. – 9 Nov. 2014  
A cura di Maria Grazia Soldati e Giovanni Maria Conti  La mostra vuole fornire, attraverso percorsi multipli, un panorama delle innovazioni e degli aspetti più interessanti della ricerca scientifica in ambito tessile in epoca moderna e contemporanea. Cognizione ed emozione si intrecciano in un percorso espositivo esperienziale in un intreccio di linguaggi. 

MaTeinItaly Matematici alla scoperta del futuro. 13 Sett. – 23 Nov. 2014  Avreste mai sospettato che ogni aspetto della nostra vita ha un suo lato matematico? Con la matematica non solo possiamo fare previsioni meteorologiche o disegnare prototipi industriali, ma anche quantificare gli effetti dei comportamenti umani in un gruppo sociale o decifrare la forma biochimica delle nostre emozioni. È questo che racconta al pubblico la mostra MaTeinItaly – Matematici alla scoperta del futuro: in che modo le forme e i numeri della matematica ci aiutano a comprendere e interpretare sempre meglio il mondo intorno a noi e in che modo i matematici ci aiutano a trasformare il mondo. 

Trame Le forme del rame tra arte contemporanea, design, tecnologia e architettura 16 Sett. – 9 Nov. 2014 
A cura di Elena Tettamanti e Antonella Soldaini. La mostra propone un percorso sulle applicazioni del rame nell’arte contemporanea, design, architettura e tecnologia.  Materiale vivo, dalle elevate caratteristiche tecnologiche e da sempre legato al mondo dell’arte e delle scienze applicate, il rame si rende strumento espressivo di soggetti appartenenti a settori diversi che, all’interno della ricerca artistica e scientifica, ne hanno sfruttato le qualità formali, strutturali e plastiche in modo fortemente innovativo.  Le applicazioni di questo materiale saranno presentate tramite una serie di opere d’arte, oggetti di design e d’architettura, strumentazione tecnico – scientifica, documentazione fotografica, video ed eventi speciali.                              
G.C.