SE NON LI VEDI NON CI CREDI a cura di Flavio Fera

Milano è conosciuta come la capitale economica italiana. Da sempre città operosa e capace di introdurre quelle innovazioni che la rendono una città all’avanguardia e di tendenza. Le persone sembra che arrivino a Milano unicamente per affari o per fare acquisti nei negozi presenti nel quadrilatero della moda. In realtà chi viene da fuori sa che vi sono monumenti e musei che non hanno nulla da invidiare a quelli presenti nelle ‘città d’arte’ come Firenze, Roma, Venezia e tante altre. Ecco a Voi una per una le magnificenze milanesi.

IL DUOMO: LA CATTEDRALE GOTICA CHE TUTTO IL MONDO CI INVIDIA 
Prima parte

Gli anni impiegati per costruire l’autostrada Salerno-Reggio Calabria, peraltro ancora non completamente terminata, in proporzione sono una bazzecola rispetto ai 427 impiegati per portare a termine l’edificazione del Duomo di Milano. Nonostante la lungaggine dei tempi, però, non si può fare a meno di dire che la cattedrale milanese non sia venuta proprio bene e non per nulla è considerata una delle più belle cattedrali al mondo. La costruzione del Duomo, dedicato a Santa Maria Nascente, cominciò nel 1386 e terminò nel 1813. A volerla, a furor di popolo, fu l’arcivescovo di Milano Antonio De’ Saluzzi mentre a concluderla, per velleità personali, fu Napoleone Bonaparte durante il periodo in cui Milano era sotto il dominio francese.
Prima del 1386, nell’area in cui fu deciso di costruire il Duomo, erano state edificate due cattedrali: la basilica di Santa Maria Maggiore e la basilica di Santa Tecla. La prima era la cattedrale invernale della diocesi di Milano, mentre la seconda quella estiva. La cattedrale di Santa Maria Maggiore fu costruita nel 344 di fronte alla cattedrale Vetus che fu la prima chiesa cristiana di Milano. La basilica di Santa Tecla, invece, fu costruita tra il 330 e il 340.  
Le 2 cattedrali non esistono più. Il loro materiale fu utilizzato per costruire il Duomo. Sotto il sagrato del Duomo si trovano anche i resti del Battistero di San Giovanni alle Fonti che faceva parte della Basilica di Santa Tecla. In questo battistero Sant’Ambrogio, quando era Vescovo di Milano, battezzò Sant’Agostino.  
La struttura architettonica del Duomo è davvero imponente e chi si trova di fronte non può fare a meno di rimanerne incantato. L’altezza, compresi i 4,16 metri della statua di rame dorato della Madonnina, è di 108,50 metri. La lunghezza esterna è di 178, 50 metri mentre la larghezza esterna è di 93 metri. La superficie interna è di 11.700 metri quadrati e il peso totale è di 325.000 tonnellate. Le guglie della cattedrale sono 135 e i doccioni 96. Visitando il Duomo si possono ammirare 3.400 statue, 200 bassorilievi e più di 3.600 personaggi.