120 BATTITI AL MINUTO E BLOW –UP, I FILM CHE IL CINEMA MEXICO PROPONE

Cari amici,

il tema toccato dal film che vi propongo da giovedì 5 ottobre, che debutta al Mexico in contemporanea con l'uscita nazionale, mi ha molto colpito, soprattutto perché di grande attualità tutt'ora, anche se molti sembrano averlo dimenticato. Presentato in anteprima e in concorso alla 70ª edizione del Festival di Cannes, questo film era in competizione per la Palma d'oro e ha vinto il Grand Prix Speciale della Giuria e la Queer Palm, oltre al Premio Fipresci e al Premio François Chalais.
Vi scrivo quindi perché possiate venire a vedere

 

120 BATTITI AL MINUTO di Robin Campillo (Francia 2017/durata 144 minuti) con Nahuel Perez Biscayart, Arnaud Valois, Adele Haenel

 

Nella Parigi dei primi anni Novanta, il giovane Nathan decide di unirsi agli attivisti di Act Up, associazione pronta tutto pur di rompere il silenzio generale sull'epidemia di AIDS che sta mietendo innumerevoli vittime. Anche grazie a spettacolari azioni di protesta, Act Up guadagna sempre più visibilità, mentre Nathan inizia una relazione con Sean, uno dei militanti più radicali del movimento. Accolto come un capolavoro all'ultimo Festival di Cannes, 120 BATTITI AL MINUTO si candida a diventare uno dei grandi eventi cinematografici della stagione. "Ho amato quel film dal primo minuto sino all'ultimo - ha dichiarato commosso il presidente della giuria di Cannes, Pedro Almodóvar, dopo la premiazione - non mi sarebbe potuto piacere di più. Campillo ha raccontato storie di eroi veri che hanno salvato molte vite".

ORARI: 15.40, 18.20, 21.00 (lunedì 15.40, 18.20)

Ingresso 7 euro, ridotto 5,50 euro

Vi ricordo inoltre che da lunedì 2 ottobre, e per tutti i lunedì del mese, sempre alle ore 21.30 vi propongo invece il secondo film della rassegna 2017/2018 Il Cinema Ritrovato. Al cinema, della Cineteca di Bologna, che presenta in prima visione i classici restaurati: BLOW-UP di Michelangelo Antonioni (GB/1966 - Durata 112') in versione originale inglese con sottotitoli italianiCon David Hemmings (Thomas), Vanessa Redgrave (Jane), Sarah Miles (Patricia), Verushka (se stessa), Peter Bowles (Ron), Jill Kennington, Peggy Moffit, Rosaleen Murray, Ann Norman, Melanine Hampshire (modelle), Jane Birkin, Gillian Hills (aspiranti modelle).

Blow-up è un film che si presta a tante interpretazioni, perché la problematica cui si ispira è appunto l'apparenza della realtà. [...] L'esperienza del protagonista non è né sentimentale né amorosa, riguarda piuttosto il suo rapporto con il mondo, con le cose che si trova di fronte. È un fotografo. Un giorno fotografa due persone al parco, un elemento di realtà che sembra reale. E lo è. Ma la realtà ha in sé un carattere di libertà che è difficile spiegare. Questo film, forse, è come lo Zen: nel momento in cui lo si spiega lo si tradisce”. (Michelangelo Antonioni)

Soggetto: dal racconto Las babas del diablo di Julio Cortázar. Sceneggiatura: Michelangelo Antonioni, Tonino Guerra. Fotografia: Carlo Di Palma. Montaggio: Frank Clarke. Scenografia: Assheton Gorton. Musica: Herbie Hancock. Produzione: Carlo Ponti per Metro Goldwyn Mayer.  Restaurato da Cineteca di Bologna, Istituto Luce - Cinecittà e Criterion, in collaborazione con Warner Bros. e Park Circus presso i laboratori Criterion e L'Immagine Ritrovata, con la supervisione del direttore della fotografia Luca Bigazzi.

Ringraziandovi sempre per la vostra presenza nella mia sala, vi ricordo una volta di più che solo al cinema il cinem è cinema!

Antonio Sancassani

Cinema Mexico - via Savona 57, tel. 02.48951802, 20144 Milano - www.cinemamexico.it