RACCON – TANGO

Il tango viene da lontano ad accarezzare le mie orecchie come un caro ricordo dai toni malinconici (Enrique Cadicamo)

Enea Leone, chitarra - Roberto Bongianino, bandoneon, presentati dall'associazione musicale Musicarte (direttore artistico Paolo Oggionni)  si esibiranno questa sera, sabato 20 gennaio alle 21.00 presso il teatro S. Giuseppe in via Redi 21, Milano

Dalle periferie di Buenos Aires e Montevideo di fine ‘800 il tango muove i suoi passi verso il mondo, conquistando l’immaginario collettivo con la sua carica di emozioni tumultuose e fragili. Le tappe dello sviluppo di questa musica viscerale vengono ripercorse in un viaggio che spazia dal repertorio tradizionale argentino (Coban, Piana, Gardel) fino all’interpretazione delle composizioni di Astor Piazzolla. Il tango non è solo un ballo: è una musica che si nutre di tristezza e amori effimeri raccontati dal suono struggente del bandoneon e dagli accenti vibranti della chitarra.

Il duo chitarra e bandoneon, formazione tipica della tradizione argentina, affronta e ripercorre con passione e rispetto la strada tracciata da duo storici quali Troilo-Grela e Arias-Montes, sviluppando una propria estetica musicale. Enea Leone (chitarra) e Roberto Bongianino (bandoneon), due tra i più importanti interpreti italiani dei rispettivi strumenti, riportano in scena con “Histoire du Tango” l’essenza del tango come linguaggio, cultura e sentimento. I due musicisti ripercorrono, durante la serata, le tappe evolutive di questa storia musicale presentando la Milonga, il Vals, il Tango. Brani conosciuti in tutto il mondo nella loro esecuzione vocale vengono proposti in forma strumentale e inoltre, due brani che hanno accompagnato le immagini di due produzioni cinematografiche molto amate in Italia ( Il Postino e Il Commissario Montalbano). Dopo un ascolto completo del concerto si rende evidente l’attrazione che i due musicisti italiani hanno provato per ciò che in origine altri italiani come loro hanno donato al tango: la melodia.