El tredesin de mars

L'antica tradizione di «El Tredesin de mars», nata per ricordare il passaggio di San Barnaba a Milano avvenuto il 13 marzo del 51 dopo Cristo, segna per i milanesi l'inizio della primavera.

San Barnaba era passato nel capoluogo lombardo non a caso: era giunto per annunciare il Cristianesimo, piantando una croce in una pietra di origine celtica attualmente collocata nella chiesa di Santa Maria al Paradiso di Milano, in zona di Porta Vigentina, sul pavimento, al centro della navata principale.
Anche quest'anno l'appuntamento con la tradizione non è potuto mancare: domenica 12 marzo la zona tra le vie Crema e Piacenza si è vestita di fiori, tra gazebi, bancarelle e realtà di quartiere. L'evento, a cura dell’associazione «Quei del Tredesin», al 25° anno di vita, è patrocinato dal Municipio 5.
Di seguito il programma svolto sul tema dell' "Intercultura": alle 11, canti partigiani per il progetto «25 aprile in... Canto». Alle 11,30, messa nella chiesa di Sant’Andrea animata dal coro dell’Università Bocconi. Poi, concerto della Civica banda musicale di Milano e caccia al tesoro (premi a cura di Get Fit). Dalle 9 alle 17 è stato possibile ammirare i lavori degli alunni della scuola di via Giulio Romano, per il progetto «Giulio Giramondo». 
Alle 14,30 il tour guidato, a piedi, per visitare i luoghi leggendari del Tredesin. Alle 16,30 alla scuola di via Giulio Romano, concerto di musica classica a cura dell’Associazione Musica XXI di via Vannucci 22. Anche la banda musicale del Municipio 5 «Batti cinque» si è esibita davanti ai cittadini, alle 15,30. Alle 16, flash mob coi costumi di "La Lory". Poi, largo al tango argentino, seguito dal cantastorie Raffaele Nobile. A completare la giornata: «Scalo Romana - mostra progetto Hortus 2015», con raccolta firme.