Ex Ansaldo di via Tortona: aggiudicati gli spazi

Il progetto di un hub internazionale delle creatività.

Creatività, cultura e impresa hanno trovano spazio in via Tortona. 
La gara per l’assegnazione degli spazi nell’area ex Ansaldo ha visto due partecipanti: l’Ati con capo fila l’associazione Aprile e la società M.Seventy srl.  

Ad aggiudicarsi gli oltre 6mila metri quadri della struttura con affaccio su via Tortona 54, l’associazione temporanea d’imprese costituita da cinque realtà: Associazione culturale Aprile, Acca Più srl, Avanzi srl, Make a Cube srl e Arci Milano.  Un progetto che finalmente permetterà a Milano di dotarsi di uno spazio totalmente rivolto alla creatività e alla sue molteplici declinazioni, da quella strettamente imprenditoriale a quella più ricreativa, - così l’assessora Cristina Tajani.  

La qualità e l’alto profilo dei due progetti finalisti dimostra ancora una volta l’interesse e la vitalità degli operatori privati nel collaborare con il Comune nel segno di una città che nella condivisione trova la sua espressione e le condizioni migliori per rispondere alle evoluzioni del lavoro e della produzione culturale. Grazie a questo progetto - ha concluso l’assessora  – da novembre potremmo offrire ai giovani ‘creativi’ un luogo fisico e soprattutto uno spazio in cui confrontarsi e dialogare, perché da questa commistione possano nascere i prodotti, i servizi e le opportunità di domani capaci di generare occupazione e sviluppo per la città.  

Questo luogo, che è testimone di un pezzo di storia importante nella vita della nostra città e che resta un bellissimo esempio di archeologia industriale, dialogherà in un futuro molto prossimo con il Museo delle culture, il nuovo polo multiculturale di Milano, sviluppando così in modo sinergico la nuova vocazione moderna e multidisciplinare dell’area ex Ansaldo. 

 La durata della concessione dell’immobile (piano interrato - terra – ammezzato e primo del lotto B) è di 12  anni e le attività, nella parte dei locali già pronti all’uso, prenderanno il via da novembre 2014. Per la riqualificazione e l’allestimento degli spazi il Comune metterà a disposizione un contributo nella misura massima del 50% delle spese sostenute dal concessionario, per un importo massimo di 1.800.000 euro.