Mostra di Michelangelo Galliani

La galleria “Giovanni Bonelli” di via Luigi Porro Lambertenghi ospiterà le opere di Michelangelo Galliani, in occasione della mostra “Marmo solo vol. 2”.

Il titolo della mostra ci fa riflettere sull’importanza che questo materiale ha per lo scultore e sull’atteggiamento che Galliani assume di fronte al marmo; infatti lo scultore affronta sempre da solo il pezzo di marmo selezionato, dalla scelta alla lavorazione, alla levigatura finale, munendosi solamente delle tecniche e degli arnesi da lavoro, senza l’aiuto di altre persone.
Galliani cerca nella storia dell’arte del passato modelli da riproporre e trasformare in corpi contemporanei e moderni, pur conservando la loro storia. Il suo utilizzo assoluto del marmo non gli impedisce l’utilizzo di altri materiali, quali: oro, ardesia, piombo o stagno, tutti materiali utilizzati nell’arte povera, con la quale Galliani non vuole, però, altre associazioni, infatti l’arte di questo scultore non si definisce povera, è un’arte che esprime l’amore verso i propri materiali, in primis il marmo. 
Al centro della galleria vi sarà posizionata la “Vergine degli inganni”, considerata una delle opere più importanti e famose dell’artista, e sembra che ogni sua composizione voglia liberarsi dal materiale di cui è fatta per lasciare in chi le osserva un segno profondo di bellezza ed espressione.
Ogni opera è una scoperta per chi la osserva e per lo stesso lettore che non sa cosa lo aspetti quando comincia a scolpire un modello: forse la vera bellezza della mostra è racchiusa in questo concetto, nel fascino che il “marmo solo” può dare.
La mostra sarà aperta alle 19 di giovedì 15 gennaio e terminerà sabato 28 febbraio.