SCELTE INTELLIGENTI E SAGGE, NON POLITICHE

La triplice candidatura di Milano, Torino e Cortina per le Olimpiadi del 2026 se può essere accettata come collaborazione tra le tre città dovrà avere anche la designazione precisa di una governance. A mantenere questa situazione di incertezza sono le istanze politiche del Governo condizionate delle posizioni diverse delle forze politiche che guidano le tre città. E continuano a essere queste basse lotte di potere che rovinano le possibilità creative sportive ed economiche del nostro paese, a frenare il processo di sviluppo turistico che la nostra cultura e la bellezza delle nostre ricchezze artistiche e naturali, la cordialità della nostra gente sa offrire ai turisti. Si sono svegliati molti comuni e si sono messi al passo. Oggi si parla di cambiamento, ma sembra che vengano effettuate solo brusche frenate. Non affrontiamo i problemi con il peso della propaganda politica, ma con la serena visione di un vantaggio a favore del paese e dei cittadini. È così che si può realizzare il cambiamento e mantenere democrazia e libertà.

edb