Alfa Romeo 164 ProCar esposta al Motor Village Arese

Per festeggiare i 40 anni del Museo Storico del Biscione

Domenica 18 dicembre gli appassionati di motori potranno ammirare dal vivo il prototipo di monoposto costruito ad hoc per il Campionato Mondiale Production Car progettato dalla FIA nel 1988 che purtroppo non prese mai il via Domenica 18 dicembre Motor Village Arese ospita il prototipo progettato e costruito ad hoc per gareggiare nel Campionato Mondiale FIA Pro Car (Production Car): la Alfa Romeo 164 ProCar del 1988. La vettura, famosa per il suo eccezionale telaio in fibra di carbonio, sarà esposta nello showroom del marchio del Biscione. 
L’iniziativa si inserisce all’interno della più ampia cornice di festeggiamenti organizzati per il quarantesimo compleanno del Museo Storico Alfa Romeo che, domenica 18 dicembre, si presenterà al pubblico con una veste inedita: i cofani delle vetture saranno aperti per poter ammirare non solo le carrozzerie, ma anche i motori, il “Cuore Sportivo” e i lati nascosti delle automobili.
La Alfa Romeo 164 ProCar unisce il V10 progettato per la F1 Ligier, la “silhouette” della 164 e un telaio, ideato da Brabham, composto da una cellula centrale con una struttura a nido d’ape in alluminio e Nomex rivestita in fibra di carbonio. Due “gusci” in composito, formano la carrozzeria.
Fu costruita in due esemplari: nel settembre 1988 a Balocco ne scese in pista uno guidato da Giorgio Francia: 9,7’’ per percorrere i 400 metri con partenza da fermo, al km il cronometro si fermò a 17,5’’, per una velocità massima di circa 340 km/h. Pochi giorni dopo, Riccardo Patrese avrebbe reso noti i risultati con un giro di pista a Monza prima del GP d’Italia, in “mondovisione”. Dopodiché il campionato – lanciato troppo in sordina - verrà soppresso per mancanza di iscritti.
Partecipando al programma previsto per celebrare i 40 anni del Museo Storico Alfa Romeo, Motor Village Arese, flagship store dedicato in esclusiva ai marchi premium FCA di Alfa Romeo e Jeep®, conferma la propria vocazione di spazio capace di unire passato, presente e futuro del mondo automobilistico.